Il BFF si conclude ma continua!

Anche se ufficialmente terminata, la Biennale Internazionale della Fotografia Femminile di Mantova in qualche modo continua! Vediamo come.

Private, il tema di quest’anno, ha indagato attraverso la fotografia gli spazi privati (o ipoteticamente tali) individuali e collettivi, virtuali e reali. “Esiste una possibile correlazione tra il concetto di privazione e quello di privacy?” Questa è la domanda posta al pubblico per mezzo delle esposizioni che sono state aperte fino al 14 aprile in varie location della città, dalla Casa di Mantegna alla Galleria Disegno, passando per Palazzo Te.

In che modo possiamo concepire oggi il concetto di “privato”? Molte le possibili risposte offerte dalle autrici scelte dalla direzione artistica di Alessia Locatelli. A lei abbiamo chiesto come possiamo continuare a seguire la “vita” del festival ora che si è concluso. Nel video che segue ci risponde.

Prima di vederlo mi fa piacere segnalare, fra tutte le mostre, quella di Lisetta Carmi che apriva la rassegna e che documentava il mondo privato e meravigliosamente poetico con il quale la Carmi racconta le donne della Sicilia e della Sardegna. Bianconeri di una forza visiva e di un impatto emotivo davvero impareggiabili.

E ora scopriamo come restare “connessi” con il festival anche dopo la sua chiusura.

Buona visione!

 

 

 

 

 

 

 

 

Loredana De Pace è giornalista pubblicista, curatrice indipendente e docente. Founder dello Studio CAOS, curatela ed editing (via Puglia, 15 – Monza). È autrice del saggio TUTTO PER UNA RAGIONE. Dieci riflessioni sulla fotografia (emuse, 2017). Dal 2004 scrive per il magazine FOTO Cult Tecnica e Cultura della Fotografia. È editor per i festival di visual narrative Cortona On The Move e per Yeast Photo Festival. È curatrice per il festival di fotografia ColornoPhotoLife. Si occupa della rubrica TAKE CARE of ed è una delle lettrici dell’iniziativa NON CHIAMATELE LETTURE di NOCSensei. È coach su Photocoach.it e collabora con l’associazione culturale NESSUNO[Press]. Ha curato numerosi libri e fanzine, fra cui la monografia MONDI UMANI di Gigi Montali (Corsiero editore), Promenade. Pathos e ironia in costume di Carlo Traini (Crowdbooks) e la fanzine 365 di Jill Vande Wiele. È curatrice di esposizioni fotografiche in Italia e all’estero, partecipa a giurie di premi nazionali e internazionali, collabora con associazioni e festival nell’organizzazione di conferenze e workshop. È docente di progettazione fotografica, photo editing e comunicazione. È docente per Mu.Sa. (Monza) e Orti Fotografici (Milano). Come fotografa ha esposto El pueblo de Salinas e Ecuador: il piccolo gigante (2011, anche volume con introduzione di Luis Sepúlveda), Sono un cielo nuvoloso (2014, Interzone-Roma) e Qualcosa è cambiato (Priverno, 2017) | Sito loredanadepace.com | Facebook bit.ly/2VZe3MU | Instagram @ loredana_de_pace | INTERVISTA VIDEO NOC-HELLO - Loredana De Pace. Uscire dal proprio recinto, alla ricerca di cose belle https://youtu.be/phkaI2Owvx0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *