Cesare Di Liborio, il segreto di una mente aperta

Sperimentazione in camera oscura, costanza, studio, apertura mentale, fantasia sono i punti nodali del lavoro di una vita del fotografo emiliano Cesare Di Liborio che, in questa intervista si racconta, con la sua umanità, i suoi pensieri, la tenacia e la creatività che lo contraddistinguono.

Particolarmente apprezzato l’hommage al mondo femminile da parte di questo autore che ha realizzato per anni un progetto intitolato Wonder Women.

Nelle sue opere, raffiguranti dei ritratti di donne fotografate da Cesare, si svelano le molteplici peculiarità dell’essere femminile, anche attraverso l’utilizzo della tecnica del mordançage, di cui ci parla l’autore nella video-intervista.

Fotografo da 43 anni e grande pensatore, Di Liborio in questa conversazione ci fa entrare nel suo mondo di confine, di ricerca dell’altrove, di bellezza e scoperta; ogni sua opera è un pezzo unico, un omaggio al concetto stesso del fotografare inteso come atto di responsabilità nei confronti del mondo, ma anche come gesto di leggerezza aperto alla sorpresa, alla scoperta che solo la sperimentazione può garantire.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Loredana De Pace è giornalista pubblicista, curatrice indipendente e docente. Founder dello Studio CAOS, curatela ed editing (via Puglia, 15 – Monza). È autrice del saggio TUTTO PER UNA RAGIONE. Dieci riflessioni sulla fotografia (emuse, 2017). Dal 2004 scrive per il magazine FOTO Cult Tecnica e Cultura della Fotografia. È editor per i festival di visual narrative Cortona On The Move e per Yeast Photo Festival. È curatrice per il festival di fotografia ColornoPhotoLife. Si occupa della rubrica TAKE CARE of ed è una delle lettrici dell’iniziativa NON CHIAMATELE LETTURE di NOCSensei. È coach su Photocoach.it e collabora con l’associazione culturale NESSUNO[Press]. Ha curato numerosi libri e fanzine, fra cui la monografia MONDI UMANI di Gigi Montali (Corsiero editore), Promenade. Pathos e ironia in costume di Carlo Traini (Crowdbooks) e la fanzine 365 di Jill Vande Wiele. È curatrice di esposizioni fotografiche in Italia e all’estero, partecipa a giurie di premi nazionali e internazionali, collabora con associazioni e festival nell’organizzazione di conferenze e workshop. È docente di progettazione fotografica, photo editing e comunicazione. È docente per Mu.Sa. (Monza) e Orti Fotografici (Milano). Come fotografa ha esposto El pueblo de Salinas e Ecuador: il piccolo gigante (2011, anche volume con introduzione di Luis Sepúlveda), Sono un cielo nuvoloso (2014, Interzone-Roma) e Qualcosa è cambiato (Priverno, 2017) | Sito loredanadepace.com | Facebook bit.ly/2VZe3MU | Instagram @ loredana_de_pace | INTERVISTA VIDEO NOC-HELLO - Loredana De Pace. Uscire dal proprio recinto, alla ricerca di cose belle https://youtu.be/phkaI2Owvx0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *