Tante ragioni per fare Macrofotografia!

In collaborazione, redatto e pubblicato da Nikonland

Di Silvio Renesto, Febbraio 2019

 

Tante ragioni per fare Macrofotografia!

Perchè mi piace la macrofotografia? Ecco i motivi:

1) Curiosità, voglia di conoscere, di cercare specie rare, ma non esotiche, (cerco piccole perle nascoste nel mio paese),  comportamenti interessanti, oppure scoprire particolari che non si possono vedere ad occhio nudo; una cosa da naturalisti insomma..

2) Sottolineare con l’inquadratura, la luce e la composizione, la bellezza e l’eleganza di alcune di queste creature che vengono per lo più ignorate, sfuggite o perseguitate dall’ignoranza comune.

3) Giocare con i dettagli e la composizione. per ottenere foto d’effetto, curiose, simpatiche, oppure drammatiche, ma in qualche modo espressive, che colpiscano chi le vede perchè sono insolite.

4) cogliere azioni e momenti di vita proprio come per gli animali “grandi”.

Attenzione, questo articolo non ha lo scopo di insegnare la macrofotografia, non è un tutorial in senso tecnico, la mia intenzione è mostrare cosa ci trovo di bello in quel che faccio.  Così può darsi che qualcun altro si incuriosisca o resti affascinato da quello che attrae  me.

 

Vediamo un po’ di esempi e le differenze di metodo  a seconda del motivo che mi spinge alla ripresa:

1) Curiosità naturalistica. In questo caso benchè presti la stessa attenzione  a inquadratura e composizione che per le foto più “artistiche”, qui che mi interessa è la particolarità del soggetto o dell’atteggiamento.

Questa è una Cicindela, detta la tigre degli insetti. Da piccolino ero già naturalista (anche più di adesso) Sapevo tutto sugli animali che mi piacevano, dai dinosauri agli insetti  ne leggevo ovunque, compresi gli inserti “scientifici” dei giornalini per ragazzi, in questo caso si trattava dell’Intrepido; e tra gli altri sognavo di vedere una Cicindela. Un cacciatore terribile, che correva veloce sulla sabbia in cerca di prede che afferrava con le sue mascelle a roncola. Inconfondibile la striatura sulle elitre.   L’ho fotografata con grande gioia la prima volta a pellicola, molti anni fa, ma non molto bene. Poi mai più, finchè dopo decenni, un giorno che giravo per le rive del Ticino in cerca di libellule in un mattino di sole rovente, me le vedo correre qua e là nel loro inconfondibile modo a scatti.

Non ero preparato a simile incontro e non avevo il tempo di predisporre nulla, nè di avvicinarmi,  perchè avendo il sole alle spalle avrei proiettato la mia ombra su di loro, facendole sparire in un attimo. Non avevo il tempo di avvicinarmi col 200 micro e piazzare il cavalletto rasoterra. Per fortuna avevo al collo la D800 con montato il Sigma 400mm f5.6 ApoMacro, in caso avessi incontrato qualche libellula.
Così mi sono messo a scattare a raffica a mano libera con tempi molto rapidi (il sole era fortissimo, quindi non c’erano problemi, ho scattato a 640 ISO ed 1/1600s con F11 per essere sicuro di “prenderla tutta” nell’area a fuoco);  confidando sull’angolo dato dalla distanza consentita dal 400mm per migliorare il punto di ripresa.  Dato che la Cicindela è piccola, ed anche alla minima distanza con il 400mm Sigma è difficile avere un ingrandimento soddisfacente ho dovuto ritagliare.  Grazie però alla abbondanza di pixel della D800 ho potuto in pratica ritagliare fino a raddoppiare il rapporto di riproduzione pur restando un dignitoso file di 9-10  megapixel. Sono soddisfatto di questa foto, perchè ho  “immortalato” (non catturato ;)) un insetto che cercavo da tempo, contestualizzandolo in modo giusto, ossia si percepisce il sole forte e si vede  la sabbia su cui si muove di solito.

 

Aromia moschata. Un bellissimo Cerambicide che mi riuscì di fotografare (malissimo) una volta sola con la mia prima reflex a pellicola la Pentax MX. Come per la Cicindela, dopo anni, un incontro casuale, mentre cercavo…. Cormorani! Anche qui niente obiettivo macro, ma grazie al formato DX ho ottenuto buoni risultati lo stesso: Nikon D7100, 300 f4 AFS + TC14, 1600 ISO, f11, 1/250s, flash di schiarita, treppiede.  Su corteccia di salice,dove di solito si trova.

Immagino che qualcuno   potrebbe trovare questa fotografia un po’ insipida perchè per la Cicindela (e magari per gli altri insetti) prova un interesse per così dire moderato, diciamo così, pari a quello che io provo per il calcio (inteso come sport). Questo insomma è un tipico caso di “ogni scarraffone (termine quanto mai appropriato qui)  è bello a mamma sua”, ma ad altri dice poco o nulla.

Asilidi in accoppiamento.  Anche in questo caso la bellezza è nell’occhio di chi guarda (oggi sono in vena di luoghi comuni); gli Asilidi sono anche loro feroci predatori e volatori velocissimi, hanno ciascuno il suo territorio di caccia e sono intolleranti verso i propri simili che sconfinano. Qui mi capitava l’occasione di documentare una situazione tipica. Durante l’accoppiamento la femmina è quasi sempre intenta a nutrirsi (in questo caso una farfallina, la cosina bianca), così da essere indifferente verso il maschio, che ne approfitta per accoppiarsi. E’ vivamente consigliato al maschio di finire quel che sta facendo prima che la femmina finisca la “merenda” o le cose potrebbero farsi complicate.

In zoologia si insegna che esistono due tipi di animali predatori, i sit and wait (quelli che aspettano nascosti che qualcosa capiti a tiro) e gli active foragers (quelli che pattugliano il territorio in cerca della preda, Come macrofotografo appartengo alla seconda categoria ;) .

Le condizioni rispetto alle Cicindela e all’Aromia erano molto diverse. Gli Asilidi erano impegnatissimi e fissi sullo stelo, incuranti di me, così, salvo fare grossolani errori, quali scuotere il cespuglio su cui stavano, avrei avuto il tempo per fare le cose come si deve. Con somma cautela ho posizionato il cavalletto il più vicino possibile. senza far vibrare i rami. Ho posizionato il 200 micro AfD cercando un orientamento tale da non avere rametti o steli in secondo piano che avrebbero creato del disturbo. Il 200 micro mi permette di stare più distante e di sfuocare di più, per cui è il mio obiettivo di elezione per la macro agli insetti.
Grazie alla D700 ho potuto scattare a 1600 ISO senza rumore ad f11 ed 1/320s. Flash di schiarita. Ho usato la piastra Arca come slitta di messa a fuoco per far scivolare leggermente avanti il 200 micro senza muovere il cavalletto in modo da ingrandire ancora un po’ i soggetti  ed ho fatto diversi scatti verificando ogni volta il risultato sul display,  quindi modificando l’inclinazione dell’obiettivo fino ad arrivare al perfetto parallelismo tra il sensore ed entrambi i soggetti. Cosa niente affatto facile.

L’articolo continua con la descrizione dei punti 2, 3 e 4 e altre fotografie sul sito di Nikonland

Grazie a Silvio Renesto, Max Aquila, Mauro Maratta e a tutto lo staff di Nikonland

NOC SENSEI è un modo nuovo di vedere, vivere e condividere la passione per la fotografia. Risveglia i sensi, allarga la mente e gli orizzonti. Non segue i numeri, ma ricerca sensazioni e colori. NOC SENSEI è un progetto di New Old Camera srl

Lascia un commento

error: Alert: Contenuto protetto!