Elisabetta Pandolfino. Scatto mentale

“Una mostra itinerante prima in Sicilia, poi in tutta Italia e all’estero per far conoscere una nuova scoperta, una innovativa forma d’arte, che sfruttando la macchina fotografica, la luce e il ricordo cognitivo e emozionale di un’immagine realizza uno scatto mentale”.

E’ l’idea della fotografa messinese Elisabetta Pandolfino specialista della tecnica dello “Scatto Mentale” che documenta, come scrivere o disegnare puntando l’obiettivo della macchina fotografica, a mano libera in un unico scatto verso una qualsiasi sorgente luminosa al buio.

L’obiettivo è far conoscere i suoi ‘scatti mentali ‘e alcune rare macchine fotografiche storiche, spiegando così a giovani e meno giovani la storia della fotografia, la sua evoluzione, che arriva fino alla sua straordinaria scoperta.

 

“Nella storia dell’arte, – spiega Pandolfino – non sono state mai eseguite opere comprensibili con la macchina fotografica sfruttando una luce, anche naturale, come quella della luna, trasformandole in opere non astratte.

Una sera d’estate, del 2014, rivolsi la macchina fotografica verso la luna e scrissi qualche lettera; dopo alcuni tentativi riuscì a scrivere con un solo scatto, il nome della persona alla quale avevo indirizzato i miei pensieri, intuendo che dovevo andare oltre impressionando delle barche a vela e altri disegni.

Realizzo i miei scatti mentali senza vedere nulla, nel momento dello scatto, il tutto facendolo rientrare nel fotogramma, rispettando i margini dello stesso, impressionando nella pellicola o scheda digitale un’immagine non visibile prima ancora dello scatto”

 

 

 

 

 

 

NOC SENSEI è un modo nuovo di vedere, vivere e condividere la passione per la fotografia. Risveglia i sensi, allarga la mente e gli orizzonti. Non segue i numeri, ma ricerca sensazioni e colori. NOC SENSEI è un progetto di New Old Camera srl

Lascia un commento

error: Contenuto protetto. ©NOCSensei