Il bicchiere zen

Di Giorgio Sitta

 

Ho sempre pensato che, a prescindere da quale sia la nostra professione, sia importante captare e rielaborare tutti gli stimoli esterni possibili.

Come fotografo, per esempio, spesso mi sento influenzato da altre forme espressive, come la musica, l’architettura, la scultura e la scrittura.

  • Un esempio interessante è quello dello scultore Kenjirō Azuma, che mi affascina per il carattere fortemente zen della sua arte.

Sono rimasto molto impressionato da quello che, tempo fa, ha affermato sul vuoto: pensando a un bicchiere, non conta il materiale o la forma, ma la sua capacità di adattarsi al contenuto.

Per questo, in un certo senso, un bicchiere vuoto è meglio di uno pieno o mezzo pieno (o mezzo vuoto): può ospitare più vino.

Questo concetto può aiutarci ad “asciugare” il nostro modo di fotografare, “aprendo una porta” a chi le vede.

Possiamo iniziare a semplificare la composizione, ridurre il numero e l’importanza dei soggetti, eliminare ombre e colori, desaturare, usare il bianco e nero.

Impariamo a “svuotare” le immagini, dando fiducia a chi le vedrà: sarà lui a riempire i vuoti, concettuali ed estetici, con la sua percezione e la sua interpretazione del nostro lavoro.

In questo modo trasformeremo la nostra fotografia in un atto di comunicazione bidirezionale.

 

 

 

Giorgio Sitta

www.giorgiositta.com

A partire da Giovedì 8 maggio 2019. MASTERCLASS: Fotografia commerciale e Storytelling

27_12_2018_gioielleria_merzaghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!