L’Argento in Fotografia

Molte sostanze reagiscono alla luce con un cambio di colore e densità, compresa la pelle umana, ma la fotografia è arrivata ad oggi usando processi basati su proprietà dei Sali di Argento.

 

 

La loro ampia capacità di registrare la luce ed il loro elevato grado di sensibilità non possono essere paragonati (tranne alcuni metalli come platino e palladio, ma molto più lenti) a quelli di nessun’altra sostanza e nonostante le applicazioni che dischi magnetici e sensori di ultima generazione ritaglino nella registrazione di immagini, sembrerebbe impossibile sostituire l’argento nonostante le tecnologie di oggi, dove è richiesta la combinazione di velocità e alta risoluzione con sfumature profondamente differenti dal digitale cosi come viene proposto alla fonte del sensore, escludendo le successive elaborazioni dai programmi di post-produzione.

I sali di argento coinvolti sono gli alogenuri – argento combinato con elementi noti come alogeni, che sono cloro, bromo e iodio. I sali risultanti sono considerevolmente sensibili alla luce, ma su scala crescente – cloruro d’argento il meno, bromuro d’argento moderatamente, ioduro d’argento estremamente.

Tuttavia, la semplice diffusione di questi sali su una superficie adatta non darà risultati soddisfacenti – si appanna, si danneggia facilmente e ha una bassa velocità. Ciò che è richiesto è un materiale in cui contenere i sali d’argento e che deve essere abbastanza versatile. Deve agire come una colla, un rivestimento protettivo, essere flessibile, permeabile all’acqua e amplificare la sensibilità intrinseca dei sali. Tutta la ricerca e i test si sono conclusi con la scoperta di un materiale che soddisfaceva tutti questi requisiti e deve ancora essere superato: la gelatina.

 

 

GELATINA

La gelatina è un colloide che nonostante sia costituito da piccole particelle, quando  disperso nell’acqua non si scompone. Sfortunatamente è raramente un prodotto vegetale, essendo prodotto da pelli di animali ed orecchie, ma fornisce diverse funzioni vitali:

  1. Si comporta come un “paracolpi” durante il processo di emulsione, mantenendo gli alogenuri d’argento separati, fermando la loro uscita dalla soluzione.
  2. Si gelifica man mano che la temperatura si abbassa o si perde umidità, mantenendo i sali in posizione su qualunque film o base di carta sia stato applicato. Quando è completamente essiccato e fissato contiene solo circa il 10% di acqua, ed è piuttosto resistente, anche se ancora flessibile e trasparente. Bagnata di nuovo, l’acqua può rientrare, trasportando sostanze chimiche di processo.
  3. Ancora più importante, solo la gelatina può produrre l’altissima sensibilità dei materiali odierni, per ragioni che non sono ancora del tutto comprese, ma sono collegate a varie impurità contenute al suo interno.

Sebbene possa essere classificato come un composto chimico, è un composto complesso, composto da amminoacidi, con un peso molecolare di circa 27000 o multipli di questi. Un aspetto significativo è che contiene gruppi chimici sia basici che acidi – poiché nessuno di questi è forte e agisce come un leggero tampone chimico.

Tuttavia, gli acidi forti o gli alcali hanno un notevole effetto sulla disposizione fisica della sostanza e nelle soluzioni alcaline si gonfiano e nelle soluzioni acide perderanno acqua e si comprimeranno.

Ciò ha una notevole influenza sul modo in cui reagisce nei successivi processi chimici e alcuni dei difetti a cui sono negativi, sono il negativo e la stampa.

 

 

PROCESSO DI EMULSIONE

È stata la scoperta delle proprietà fotografiche delle emulsioni di argento/gelatina che ha reso possibili nel corso degli anni, i materiali sofisticati che usiamo oggi. L’emulsione è il principale termine improprio in fotografia: un’emulsione è un liquido uniformemente disperso in piccoli globuli all’interno di un altro. Tuttavia, il modo in cui vengono preparati i sali d’argento ha abbastanza in comune con questo da renderlo una descrizione valida.

Ancora oggi tutte le variabili e le incoerenze coinvolte nella produzione di emulsioni non sono completamente comprese, nemmeno dai produttori. Le caratteristiche di un’emulsione sono regolate da molti fattori. Il tipo e il lotto di gelatina, la scelta dei sali di alogenuro, la velocità di miscelazione e il modo in cui vengono miscelati, la durata del tempo di maturazione e gli additivi all’emulsione sono tutte variabili che fanno grandi variazioni nelle prestazioni delle emulsioni. Una certa quantità di alchimia è ancora presente nel processo di fabbricazione, e non è sconosciuto per interi lotti di film e carta, realizzati con metodi precedentemente provati in molti anni, per dimostrarsi difettosi. Normalmente questi non emergono per il consumo generale, ci affrettiamo a sottolineare!

Un’altra complicazione è che molto dei molti metodi e ricette utilizzati nella produzione di emulsioni commerciali non possono essere brevettati, e quindi esiste un alto grado di segretezza tra i produttori per proteggerli. Questa è la reazione di base nel creare emulsioni fotografiche: nitrato d’argento + bromuro di potassio = bromuro d’argento + nitrato di potassio

In questa reazione, il bromuro di potassio viene sciolto in una soluzione di gelatina e il nitrato d’argento viene lentamente versato al suo interno mentre si agita. Si forma immediatamente un’emulsione cremosa liscia, che viene mantenuta a una temperatura moderatamente alta per maturarla, il che significa portarla a piena velocità e contrasto quando le particelle di alogenuro d’argento o i grani aumentano di dimensioni.

L’emulsione può quindi essere raffreddata per renderla gel e frantumata per trasformarla in pezzi abbastanza piccoli da poter essere lavata. Il nitrato di potassio indesiderato, che era il sottoprodotto della reazione, viene lavato via e l’emulsione può quindi essere nuovamente liquefatta e rivestita su pellicola o carta. Una fase di post-maturazione potrebbe essere utilizzata per ottenere il massimo delle prestazioni del materiale.

Praticamente in commercio si trova emulsione in bottiglia pronta all’uso, che richiede solo riscaldamento per liquefarlo per poi stendere su pellicolla, carte di vario tipo cosi come altri materiali. Interessante da provare per incrementare la creatività del proprio lavoro a portata di tutti gli amatori che possiedono una camera oscura.

 

 

I prossimi testi, tratteremo il grano fotografico e terminologia dell’emulsione del films. Succesivamente la classificazione generale dei films per poi esaminare il processo della carta fotosensibile e forse altro ancora.

 

Giancarlo Vaiarelli

The Platinotypist

platinotypist@gmail.com

instagram.it/theplatinotypist

 

 

Giancarlo Vaiarelli

 

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito dei specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2020 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

 

Lascia un commento

error: Alert: Contento protetto!!!