Classificazione generale dei Films

Vediamo assieme le varie classificazione e tipologia d’uso dei Films oggi esistenti e maggiormente acquistate e da professionisti e da amatori.

 

 

Pancromatico lento

Velocità: 25-50 ISO. Questi includono Ilford Pan-F (50 ISO) e Rollei RPX25 (25 ISO). Grana molto fine e alta risoluzione, con contrasto intrinsecamente piuttosto elevato. Ciò significa che la latitudine di esposizione è più stretta e la bassa velocità impone limitazioni quando si lavora con scarsa illuminazione o soggetti in movimento. Per questo motivo attualmente non esiste una produzione lastre generalmente disponibile per questi tipo di film, ed è solo in confezione da 35 mm e rotolo 120. Man mano che i film a media velocità migliorano le prestazioni, i film più lenti vengono utilizzati di meno.

 

Media velocità pancromatica

Velocità nell’intervallo: 100-200 ISO. Questi includono Ilford FP4plus, Rollei RPX 100 Rollei Retro 100, Kentmere K100, Fomapan 100. Queste sono probabilmente l’opzione migliore quando si lavora in condizioni di luce adeguata e offrono grana fine, elevata nitidezza e velocità ragionevole, un buon compromesso tra velocità e caratteristiche dell’immagine. Le 200 ISO possiamo nominare Rollei Superpan 200 e Fomapan 200 Creative. Altre emulsioni, come Kodak T-Max 100 , Ilford Delta 100 , Fuji Neopan Across II 100 , Rollei Blackbird 100 sono praticamente paragonabili alle prestazioni dei film nella categoria a bassa velocità.

 

 

Pancromatico veloce

Velocità nell’intervallo: 320-400 ISO. Tra cui Kodak Tri-X, Ilford HP5 Plus, Rollei RPX 400, Kentmere K400 , Bergger Pancro 400 , Fomapan 400 action . Queste sono la scelta ovvia quando si lavora in condizioni di luce variabile. Oltre ad avere una velocità abbastanza elevata da scattare in condizioni di scarsa luminosità o utilizzare velocità dell’otturatore elevate in condizioni di buona luce, hanno un’ottima latitudine di esposizione. Il grano e la risoluzione sono inferiori a quelli dei film più lenti, tuttavia le ultime emulsioni sono di tale qualità da competere con i film a bassa velocità di un paio di decenni fa. Segnalo come pellicola 320 ISO Fomapan Retropan 320 , Kodak TXP 320 lastre unicamente nel formato 4” x 5” .

Dal 1980 un’altra opzione in questo campo della velocità del film è stata quella dei film “cromogenici” o basati sulla tintura, vedi attualmente Ilford XP2.

 

Film ad altissima velocità

Ilford aveva un film da 800 ASA disponibile già negli anni ’60, chiamato HPS, e si dice che la velocità maggiore sia stata ottenuta con il “pre-flashing”. Per la massima qualità, velocità del film, la scelta ricade su film che utilizzano le nuove strutture a grana d’argento, che danno una velocità molto elevata mantenendo comunque la grana moderatamente fine. I film di ultima generazione ad altissima velocità sono Kodak Tmax P3200 , Ilford Delta 3200

 

Film Ortho e Line

C’è spesso confusione su questo: alcuni film orto possono anche essere definiti film di linea, ma altri chiaramente non lo sono, poiché sono tono continuo. Molti film di linea sono ortocromatici, ma alcuni sono sensibili al blu.

 

 

Film ortocromatico

La differenza fondamentale tra ortocromatico e pancromatico è quella della sensibilizzazione della tintura nella fabbricazione. L’ortoocromatico è sensibilizzato nel verde, ma non nella regione rossa dello spettro. Ciò si traduce in un film un po ‘più lento che se fosse pancromatico, che rende rossi, o toni che contengono tanto rosso, renderà la stampa con toni più scuri. Tuttavia, può essere sviluppato mediante ispezione in luce rossa di sicurezza. Anche se alcuni decenni fa c’erano parecchi film ortogonali a tono continuo in diversi formati, l’unico attualmente disponibile è Ilford Ortho, prodotto in formato lastra di varie misure, cosi come Arista statunitense, prodotta da Freestyle. Formati 35mm. e roll 120 nonchè lastre, della Rollei Ortho 25

NB: Rollei Ortho 25, in formato 135/120, è un materiale piuttosto diverso, essendo un film orto a bassa velocità e ad alto contrasto, che richiede uno sviluppo a basso contrasto come POTA o Neofin Doku Tetenal per lavori pittorici. Questi sarebbero meglio definiti un film.

 

© Gerardo Bonomo

 

Film a infrarossi

Questi sono film sensibili al blu con una sensibilizazione e colorante speciale. Ciò fornisce un picco di sensibilità all’estremità rossa estrema dello spettro, che si estende nella regione a infrarossi che è invisibile alla visione umana. Queste pellicole erano state studiate per applicazioni militare. Poi furono commercializzate al pubblico. Oltre alle applicazioni tecniche, possono essere utilizzate per creare immagini molto insolite, caratterizzate in paesaggi dai cieli neri “blues” come definiscono negli Usa, e dai toni molto chiari prodotti dal fogliame. Anche i toni della pelle tendono a essere resi molto chiari. La sensibilità blu intrinseca di questi film sommergerebbe l’effetto delle informazioni a infrarossi, quindi è necessario utilizzare un filtro. Per lo meno, un rosso intenso ad es. Wratten 25. Se è necessario un effetto maggiore, è possibile utilizzare una delle serie Wratter 87 completamente opache, sebbene ciò riduca la velocità del film e richieda l’impostazione dello scatto prima di fissare il filtro. Il film a infrarossi ad alta velocità oggi sono prodotti da Ilford SFX200 , Rollei Infrared 400.

 

Line Film

Questo può essere definito come un film che produce un elevato contrasto su sviluppo normale. Se viene utilizzato uno sviluppatore energico, questo darà un contrasto così elevato da avvicinarsi quasi a quello del film al litio nello sviluppatore al litio. Alcuni film di linea sono sensibili al blu, come Ilford, che possono essere elaborati in luce arancione scuro. Altri, come Rollei Ortho 25, lavorano anche con un contrasto elevato, ma per dare loro la massima velocità vengono sensibilizzati ortocromaticamente, il che significa che richiedono una luce rossa di sicurezza. Sebbene intrinsecamente più elevato in contrasto rispetto alle normali pellicole per fotocamere, il contrasto del film di linea può essere controllato in misura considerevole variando l’esposizione e la scelta dello sviluppatore, e la maggior parte di essi può essere utilizzata per cose come la produzione di solarizzazione nella camera oscura o internegativi di grande dimensione per lavorare con processi alternativi.

 

Lith film

Abbreviazione di pellicola litografica, che significa pellicola utilizzata nei processi ad alto contrasto associati alla stampa con inchiostro litografico. Il film Lith può essere usato come film di “linea” a tono continuo in uno sviluppatore standard. È progettato, tuttavia, per essere elaborato in uno speciale sviluppatore “litico”, composto da due bagni A+B miscelati assieme ma in proporzioni differenti tra loro, cosi come avviene per trattare la stampa Lith, che tratteremo più avanti. Questo sviluppatore, produce cosi detto “sviluppo infettivo”, portando a un contrasto ultra elevato e un’altissima densità di argento nelle sue aree dense. Per il normale lavoro in camera oscura, è utile per separare la “posterizzazione” e qualsiasi applicazione in cui è necessario rimuovere i mezzitoni per ridurre un’immagine a elementi in bianco e nero. Tutti i film litici sono ortocromatici. Quindi, pellicole Lith trattate invece con sviluppatori differenti da quelli litografici a due bagni, vengono anch’essi utilizzate per stampare successivamente con processi alternativi, che tratteremo in seguito, a Processi Alternativi.

 

 

Film instantaneo

Questo argomento necessita un libro intero! Da quando la produzione di istantanee Polaroid venne dismessa, oggi possiamo trovare solamente prodotti simili come la Impossible Project e Fujifilm.

Le polaroid iniziate a produrre nel 1948 sono state per tantissimi anni non solo un fattore e metro istantaneo per i professionisti nella realizzazione di test pre-scatto, ma un vero e proprio argomento artistico per non citare quanti appasionati e persone comuni in quantità enorme nel mondo che hanno avuto in possesso una fotografia scattata con Polaroid. C’era tutto, da stampe istantane in B&N a quelle a Colori, da piccoli formati sino a grandissimi formati e una vastissima gamma di negativi istantanee anch’esse di varia tipologia d’emulsione e dimensione.

 

Il prossimo argomento sarà rivolto al processo dei films, riguardante la classificazione dei sviluppi, chimica dello sviluppo, tipi generali di sviluppatore, ingredienti che compongono gli sviluppatori.

 

Giancarlo Vaiarelli

The Platinotypist

platinotypist@gmail.com

instagram.it/theplatinotypist

 

 

 

 

 

NOC SENSEI è un modo nuovo di vedere, vivere e condividere la passione per la fotografia. Risveglia i sensi, allarga la mente e gli orizzonti. Non segue i numeri, ma ricerca sensazioni e colori. NOC SENSEI è un progetto di New Old Camera srl

Lascia un commento

error: Alert: Contento protetto!!!