“o ombra” con Sonia Vatteroni

© Roberto Besana

 

Tu avevi un’ombra più grande della mia.

Quando camminavi davanti a me, seguiva una retta da cui non mi potevo discostare.

Quando ti voltavi, invertiva la direzione e si sovrapponeva alla mia, schiacciandola.

Quando eravamo fra gli altri era la mia a cercarla, ma non la trovava: se ne andava altrove perché restasse  in incognito e mi privava di testimonianze, nuda di prove.

Un mattino davanti alla scuola, finì sotto la tua auto, ma non si fece male,: era ombra itinerante, solo che io non la vidi e non volli più salire “per andare dove

I tuoi abiti piegati sulla sedia la trattenevano dentro le maniche e io le guardavo con sospetto: temevo spuntasse quella delle tue mani.

La tua ombra era sempre nei miei sogni e anche se tentavo di dire qualcosa di sensato, mi tappava la bocca.

Hai sempre portato la tua ombra come uno strascico che cercavo di non calpestare mai

Quando moristi, si sdraiò a fianco a te sul letto e ti lasciò andare solo.

Così è rimasta con me, e io dormo rannicchiata da un lato.

Non occuperò mai tutto il mio spazio a disposizione.

 

Testo di Sonia Vatteroni, Fotografia di Roberto Besana

 

Sonia Vatteroni è nata a La Spezia, ha vissuto, studiato e insegnato a La Spezia e Firenze. Ha fatto parte di un seminario internazionale di scrittura creativa della New York University. È Presente nell’Enciclopedia poesia contemporanea “Mario Luzi” 2018 e nell’Annuario “I limoni” della poesia italiana 2022. Vincitrice nel 2020 de “Il sigillo di Dante “assegnatole dalla Società dantesca, nel 2023 le è stato assegnato il premio Montale fuori di casa.  Ha pubblicato vari libri tra cui Pongasie, Supponga, Un quarto di secondo, per i tipi di edizioni OLTRE, e Monadi per  GS editore in occasione del primo premio de “il sigillo di DanteÈ autrice dei testi di spettacoli teatrali e di musiche di Rock progressive

Share

Roberto Besana (1954), nasce a Monza, risiede a La Spezia. Un lungo passato da manager editoriale giunto sino alla Direzione Generale della De Agostini, coltiva la sua passione per la fotografia operando per lo sviluppo e realizzazione di progetti culturali attraverso mostre, convegni, pubblicazioni. Nella sua fotografia riverbera la sensibilità ai temi ambientali per i quali è attivo nella diffusione di conoscenza e rispetto. Le sue immagini sono principalmente “all’aria aperta”, dove lo portano i passi. Ambiente e paesaggio sono i suoi principali filoni di ricerca. I suoi lavori fotografici sono presenti in libri e quotidiani, siti web, riviste. Al suo all’attivo innumerevoli mostre personali e collettive. Dirige o collabora alla realizzazione di eventi e festival culturali. Membro del comitato scientifico del periodico culturale Globus, curatore editoriale della collana “Fotografia e Parola“ di Oltre Edizioni, ha una rubrica fissa sul periodico .eco e NOCSensei I suoi ultimi libri pubblicati - L’albero, dialoghi tra fotografo e scrittore, 2020 - Il Paesaggio, dialoghi tra fotografia e parola, 2021 - La Sfilata del Palio del Golfo, 2021 - L’acqua, dialoghi tra fotografia e parola, 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *