“C’è un senso a tutto” con Federico Galli

© Roberto Besana

 

C’è un senso, a tutto.

E’ una filastrocca canticchiata nel tempo, che ritorna ogni volta più densa.

Nel profondo della superficie il rischio perpetuo è quello di perdersi.

Il sentimento di accoglienza si unisce all’appartenenza.

Tutto si amalgama, soavemente.

Come se non ci fosse bisogno di chiedere nulla.

Naturalmente, ecco.

Solidamente, ecco.

Legami che uniscono.

Indissolubilmente, ecco.

Il perdersi diventa una sicurezza, con se stessi, nel lasciarsi andare.

La consapevolezza della vita che cresce.

Dolce e amara. Quella, proprio quella. In ogni circostanza.

Un calice di vino rivolto al cielo, per brindare ad ogni cosa accade.

Ecco.

C’è un senso, a tutto.

 

Testo di Federico Galli – Fotografia di Roberto Besana 

 

Federico Galli è nato a Riccione, dove c’è il mare, nel 1971.

E’ un ingegnere, ma poco importa in questa storia, o forse probabilmente sì. Il suo approccio alla fotografia nasce dal mare d’inverno, quando, per chi al mare ci nasce, lo sente veramente suo. Deve tutto a suo babbo e agli svariati album di famiglia creati e custoditi con cura e alla sua piccola Minolta automatica. Nel terzo cassetto dall’alto sono custoditi i negativi delle prime cabine del suo mare. Nel gennaio 2017 inizia a pubblicare su Instagram le #storienelloldaon, nate dalla necessità di amalgamare le sue passioni, il teatro di improvvisazione con la fotografia, raccontando attraverso le parole e una fotografia il momento della vita di un personaggio. Mentre osserva la sua vita, si esprime, non solo con quello che vede, ma anche con quello che immagina. Nel frattempo, dove accadono le cose più belle, percorre un pezzo di strada con il fotografo Efrem Raimondi, il suo maestro. Il suo sguardo ha iniziato a vedere altro, divenendo più consapevole, più curioso, più emozionato, più visivo. Il suo percorso di crescita personale e artistica lo porta nel settembre 2023 a pubblicare il suo primo libro “ESSERE COLORE #storienelloldaon” con la casa editrice NFC Edizioni, dove racconta le diverse personalità dell’essere umano attraverso la fotografia e la parola.

 

Roberto Besana (1954), nasce a Monza, risiede a La Spezia. Un lungo passato da manager editoriale giunto sino alla Direzione Generale della De Agostini, coltiva la sua passione per la fotografia operando per lo sviluppo e realizzazione di progetti culturali attraverso mostre, convegni, pubblicazioni. Nella sua fotografia riverbera la sensibilità ai temi ambientali per i quali è attivo nella diffusione di conoscenza e rispetto. Le sue immagini sono principalmente “all’aria aperta”, dove lo portano i passi. Ambiente e paesaggio sono i suoi principali filoni di ricerca. I suoi lavori fotografici sono presenti in libri e quotidiani, siti web, riviste. Al suo all’attivo innumerevoli mostre personali e collettive. Dirige o collabora alla realizzazione di eventi e festival culturali. Membro del comitato scientifico del periodico culturale Globus, curatore editoriale della collana “Fotografia e Parola“ di Oltre Edizioni, ha una rubrica fissa sul periodico .eco e NOCSensei I suoi ultimi libri pubblicati - L’albero, dialoghi tra fotografo e scrittore, 2020 - Il Paesaggio, dialoghi tra fotografia e parola, 2021 - La Sfilata del Palio del Golfo, 2021 - L’acqua, dialoghi tra fotografia e parola, 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *