Bincho non esiste più. Cazzo.

Ho mandato un messaggio a Kary, che mi ha consigliato yakitori e sake per anni a Tiong Bahru (Singapore), in uno dei posti più magici che io conosca al mondo, Bincho.

Bincho è un universo parallelo, è un posto dove varchi un portale e, sia a pranzo che a cena, ti trovi in qualcosa che è difficile da spiegare. Tiong Bahru, uno dei quartieri di Singapore che adoro, e dentro una delle vecchie case costruite ai primi del ‘900, trovi un ristorante che media il concetto di caffetteria locale, di yakitori giapponese, e di locale trend per un ristretto gruppo di persone.

Quando ti incontri da Bincho sei una persona speciale, appartieni a chi conosce Singapore oltre quello che sia normalmente considerato come “being a true local”.

Bincho non “è”. Bincho “era”.

 

 

Bincho ha chiuso a fine Gennaio.

Posto introvabile: bisognava entrare nella corte del parcheggio, e poi notare una scritta verticale verde che solo nell’ultimo paio d’anni era apparsa: prima c’era una porta in ferro con una feritoia. “Secret Local”, ma veramente secret.

 

 

Il cibo e il bere erano solo una parte di quello che faceva di Bincho una mia tappa fissa.

Bincho era un altro mondo.

Mi mancherà.

 

 

One Comment

  1. Gabriele Lopez Reply

    A Tokyo questo tipo di realtà sono tra quelle che la rendono una città magica, tentacolare ed infinita…mi spiace per la tua perdita…ma chissà che si rinnovi in modo interessante…buon viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *