Conoscete il vecchio trucco in uso nel cinema di avvolgere l’obiettivo con una calza da donna per ottenere un effetto di soffusità?

Era un espediente artigianale che certo trovava ben più sofisticate alternative, ma aver menzionato la circostanza c’introduce all’argomento dei veli.

Già, veli.

Nel caso dell’obiettivo esso s’interponeva in maniera totalizzante: la sua azione interpositoria s’esplicava  sulla globalità dell’immagine, senza influenzarla contenutisticamente.

Senza influenzarla contenutisticamente?

Sì, proprio per la summentovata azione interpositoria: non si trova nella scena e neppure all’interno della fotocamera.

Ma veli, nell’inquadratura, possono danzare.

Costituire spartiacque, od osmosi.

Spartiacque od osmosi?

Osserviamo la fotografia di Biljana Radojicic, se V’aggrada.

Mirabile composizione in mirabile tessitura di grigi.

Il velo parzialmente filtra, nel medio campo del terreno, ma non è questa la funzione ch’importa, qui.

L’eleganza del gesto grafico, piuttosto.

La ieratica figura della modella – il nero profondo della veste, svettante e rigorosa ad un tempo, suggestivamente e tonalmente dialoga con la densa massa arborea, sullo sfondo – compie un gesto artiale, che si fa grafico allorché disegna nell’aria una trama che conduce altrove.

Vi è una dinamica meccanicità, qui.

E’ quasi un ossimoro, ma designa la giustapposizione tra nettezza di tracciato e aerità d’espressione, che s’incammina verso astrazione.

Vi è una asciuttezza formale che non rinnega protensione verso Natura, solo sfiorata ma pudicamente vagheggiata.

Francis Willey, poi.

Dallo spartiacque all’osmosi, qui.

Una ulteriore magistrale prova, ove il velo – il drappo, il copricapo, qualsivoglia sua declinazione – si concede giacere.

Sì, si concede giacere.

Accarezza il masso – Natura antica – e allo stesso tempo si frappone alla figura.

Figura che indossa il suo contraltare, sul capo avvolto.

Ancora, dialogo.

L’organico umano, quello vegetale, e l’inorganico.

Gli elementi inducono collocazioni, se non separazioni.

Ciò avviene nel contesto di un sublime equilibrio cromatico.

Il verde contrappunta, il marrone regna.

Sì, regna.

Dispensa preziosità badando ad intrinsecità (le peculiarità dei singoli fattori) e distribuendo pesi.

Ecco, la Fotografia: trarre, a maestà elevando.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!