Una Pari Disparità

“Non ce l’ho messa io”.

Suona come perorazione d’assoluzione, in tribunale.

Come riferita ad una bomba che abbia cagionato umana strage.

Si riferisce invece ad uno dei temi fondanti della Fotografia.

Ha o no l’autore il diritto d’intervenire sulla scena?

E se sì, in quali ambiti?

Ed in quali modi?

Catalizzando azioni?

Direttamente provocandole?

Fisicamente entrandovi?

Ponendo oggetti?

Ecco, quest’ultima istanza.

Torniamo all’asserzione contenuta nell’incipit di questo articolo.

E sì, “Non ce l’ho messa io”.

La bottiglia che giace sul collinare suolo nella fotografia a corredo di questo brano, intendo.

Suona come assoluzione?

Non se ne ravvisa il bisogno.

Perchè a differenti situazioni corrispondono differenti fini, ottenuti con differenti mezzi.

L’avessi adagiata io, la bottiglia, non avrebbe costituito fotografico reato, ma avrebbe espresso un esito piuttosto grossolano, ai fini compositivi.

Avercela trovata marca una delle istanze visive che maggiormente aborro, quella documentale (sto celiando, ma non del tutto).

Ma qui non abbiamo il reportage su di una discarica abusiva.

Qui abbiamo una impronta umana felicemente peregrina.

Sì, una impronta umana felicemente peregrina.

Estranea al contesto proprio nel momento in cui sembra appartenervi.

Perché sì, lì ci sono viti.

E sì, lì si produce ciò che poi sarà messo in bottiglia.

Ma oltre a non avercela messa io, la bottiglia, sono ragionevolmente certo che non ce l’ha messa nemmeno il viticoltore.

E nemmeno un vandalo di passaggio, ritengo.

Sapete, poco discosto nell’erba c’era anche un vaso d’ottone dalla foggia vagamente turibolare.

E un quadro di dilettantesca fattura.

Sì, un quadro dipinto, o meglio una tela.

E’ stato il pic nic di un artista?

Di un artista prete?

Di un artista prete ubriaco?

Sì, è appagantemente suggestivo chiederselo.

Ma sopra troneggia l’immagine trovata e riprodotta.

Sapete, ho fotografato anche il vaso ed il quadro.

Qui però non li ho acclusi apposta.

Erano meno fotogenici, se mi consentite la bestemmia, che si monda del peccato ove s’abbeveri all’incorrotta fonte dell’etimologia.

Perché sopra troneggia l’immagine trovata, dicevo.

Intrigante porsi il problema della scaturigine.

Ma fotografia è, fotografi siamo.

Ci occupiamo di ciò che s’offre alla vista.

E qui, l’offerta aveva più d’altre il sapore del dono.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *