Una fisicità meditata

Il nostro olfatto non è più quello di quando abitavamo le caverne.

E accostare l’orecchio al terreno sospetto non sortisca più alcun risultato informativo.

E l’orientamento…

Insomma, sciaguratamente siamo meno animali.

Così, usciti dalla caverna di Stefano Vitali non arguiremmo suoni a contatto con il brecciolino.

Né, senza navigatore risulteremmo subitaneamente edotti del punto cardinale, tra quelle Dolomiti.

La caverna di Stefano Vitali?

Volessimo usar metafora, azzarderemmo un riferimento alle caverne platoniane, per come – da esse affrancandosi – fuori si spalanca la conoscenza.

No, qui non è la conoscenza che ci porta fuori.

Qui è un atto fisico a farlo.

Sì, subito, senza mediazioni, un atto fisico!

Ci ho impiegato una frazione di secondo – intendo – a risultare corporeamente ammaliato dalla fotografia di Stefano.

La conoscenza – la razionalizzazione, l”individuazione di coordinate stilistiche e semantiche – viene dopo.

Anche pochi attimi dopo, ma è la palpazione iniziale che tosto satura la delibazione.

Scala di grigi d’incomparabile maestria.

Sì, dopo potremmo a lungo discettare della felice distribuzione dei pesi nella composizione

Ma quella scala di grigi lì è carnale.

Una cosa subito attingibile al tatto, da toccare con ancestrale incantamento.

Carnale, dicevo.

Francesco Nigi non è da meno.

Il piatto gronda maggior succulenza nell’accezione commestibile del termine:

E’ il lastricato ad indurre l’erotica sensazione.

E’ il sole che ama, lì.

Ma anche lì – dopo – ci si può beare della generale architettura.

Anche lì il felice linguistico ausilio delle quinte.

Più contrasto in Francesco che in Stefano, ed una interpretazione più frecciuale della profondità.

In entrambi i casi, epperò, carne.

Se Stefano mira all’apollineo, Francesco getta feroci stille di dionisiaco in un impianto che complessivamente – e con sopraffino sorveglio – permane cartesiano.

Ma carne, carne, carne.

Sapete, anche senza clava sappiamo addentare ancora senza mediazione di cottura.

Grazie ai due per consentircene prelibata facoltà.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!