Tora, Tora, Tora

Un tempo l’eccellente storico Ercole Ongaro – m’onora essere stato suo allievo – sottotitolò suo libro: “itinerari su di una terra manufatta”.

Proprio così, manufatta.

Manu – facta, fatta dalla mano dell’uomo.

Benché Seneca (“non tantum manu facta labuntur…”: il filosofo latino sconsolatamente annotava che tanto le opere dell’uomo che quelle della natura sono destinate a perire) fosse pessimista su ciò, rimane il …fatto che il connubio del naturale fluire e dell’intervento umano può sortire entusiasmanti effetti e relativamente duraturi, nonostante la dissoluzione finale.

E cosa c’entra “Tora, tora, tora”, il titolo che ho dato a questo articolo?

La figura retorica dell’anafora – la ripetizione di una parola per enfatizzarla – raccoglie il summentovato entusiasmo per trasferirlo d’ambito: se “Tora, tora, tora” esprimeva il nipponico grido per un attacco/lampo, “Water, water, water” – è il titolo che ho apposto a questo mio dronuale filmato – contiene la mia esultanza per i variegati e succosi modi in cui l’acqua attraversa la vita umana in accezione attiva.

La Lombardia ben esemplifica la situazione.

“Water, water, water”, ed inoltre, parafrasa l’attacco per volgerlo a una pacifica declinazione: il drone assalta l’acqua giusto per rivelarne le più intime pieghe, in un modo ad esso estensivamente congeniale.

Qui, insomma, il drone evidenzia come nessun altro mezzo di ritrazione consenta d’illustrare altrettanto efficacemente come l’acqua sia stata addomesticata dall’uomo, ma sempre con metus reverentialis di fronte alla sua potenza ed imprevedibilità.

Il rapporto tra acqua e uomo, in tal guisa inteso, si nutre di tecnologia come di poesia.

Così il drone penetra seducenti brume all’alba, ove l’umida vaporosità si salda con la sottostante liquida distesa.

Oppure trionfalmente incede verso i lussureggianti recessi di una roggia ascosa.

O passa sotto ponti, rileva morbide e selvagge sinuosità, severe leonardesche geometrie, variati andamenti.

Trova, il drone, amplissime tonalità d’accenti, in siffatta sempre cangiante relazione.

L’acqua si fa strada – è essa stessa strada – tra terre più o meno modellate dall’umana mano.

E il drone – riverente ed estasiato – è lì ove ogni cosa accade.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!