Rara Terghità

Fare ciò che si può.

Declinato all’ambito fotografico, non si limita ad illustrare le capacità individuali.

Perché esistono norme che regolano l’attività, e se alcune d’esse sono funzionalmente ed inerentemente comprensibili (ad esempio: esercitare la professione di matrimonialista rispettando gli adempimenti fiscali, e non sostituendosi nascostamente a coloro che vi ottemperano), altre attengono ad una più vasta concezione, che non necessariamente affonda le radici in raggiungimenti di civiltà intonata al progresso (è il mio consueto strale rivolto alla sfumatura di talebanicità che trovo informi taluni aspetti della legge su di un malinteso senso di privatezza).

Dunque: fare ciò che si può non solo in relazione a ciò che si è in grado di fare, ma anche con riferimento a come la società ci consente d’operare.

Ed in tema di divulgazione fotografica, la questione è presto esplicitata: i visi in primo piano, non si può.

Seguire questi dettami è certamente frustrante, ma dobbiamo.

A meno che la soluzione di ripiego – ovvero ritrarre di spalle i soggetti umani, eventualità che spesso induce a non premere l’otturatore per manifesta insignificanza d’esito – trovi accenti che si discostino dalla trascurabilità.

La fotografia a corredo del presente brano esemplifica il concetto.

E’ pubblicabile poiché quasi tutti i visi  compresi nell’inquadratura volgono lo sguardo altrove – e sono per giunta dotati di cappello – mentre l’unica figura che mostra il profilo è stata da me debitamente mascherata.

Siamo così approdati al titolo di questo articolo, “Rara Terghità”.

Ciò in quanto non è consueto che l’esclusione dei lineamenti umani lasci residuali motivi d’interesse.

Che qui sono invece costituiti da due fattori:

  • la posa dei ritratti.
  • l’elemento cromatico.

La posa è plastica, semiconsciamente dialogica, dinamica eppur scultorea.

L’elemento cromatico recita vivezze, le quali sono fruibili sia in valenza astratta – per accostamento – che come effetto collaterale – di cosciente indipendenza ma di osservabile dipendenza – dell’azione di gruppo.

Ecco, con questo siamo tenuti misurarci: tenerci preziosa la sporadica eventualità che soggetti umani parlino pur senza palesare la luminosa palpitazione di un viso.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!