Quasimodo e lo sprone ad agire

Un mattone, e fu subito vestigia storica.

Un sasso, e fu subito tesoro paesaggistico.

Certe nazioni fanno così.

Esagerano, ma pro bono.

Parafrasando Salvatore Quasimodo, sottolineo lo iato esistente tra valore dell’italico patrimonio visuale e sua (mancata) valorizzazione, in rapporto a quanto succede altrove.

Vedete la fotografia allegata a questo brano?

Ebbene, non dovrebbe esistere.

Ciò in quanto l’accesso al sito è scoraggiato da un cartello che mette in guardia a proposito del pericolante accesso. In Italia, ahinoi, spesso è così: non appena la gestione di un luogo presenta la minima difficoltà, lo si abbandona.

Quando redassi l’ebook il lettore/visualizzatore non poteva sapere che talvolta accanto all’incantevole luogo avevo accanto una discarica abusiva.

Oppure che sorgeva in un punto il cui raggiungimento era stato ottenuto a rischio d’artiale frattura.

Prima accennavo alla differenza tra nazioni. l’Italia però – lo affermo con profonda amarezza – non è un monolite indifferenziato: la cura del patrimonio dipende dall’area geografica.

A sostanziale parità tipologica si assiste ora all’oblio ora alla tutela. Dunque, volendo si può.

Agli esempi virtuosi il compito di fungere da sprone. Denunciando, per converso, l’altrove inaccettabilità.

 

All’ rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/account/artworks/874534

Lascia un commento

error: Alert: Contenuto protetto!