In “Interdisciplinarietà & Interemozionalità” vieppiù affrontavo il tema della reificazione in Fotografia.

Scrivendo:

“E’ l’opposto di una reificazione: non da persona cosa; da cosa persona, e piuttosto”.

Intendevo: vi sono casi in cui soggetto è volto ad oggetto; altri in cui oggetto diviene soggetto.

E il presente articolo ho titolato: “Pedine”.

Lo sono le pecore per come appaiono disposte in una delle due fotografie a corredo di questo brano: nella visione zenitale in quota sono inconsapevoli protagoniste – pressochè un ossimoro – di una composizione grafica nella quale il loro contributo unitario s’addiziona nell’arazzo complessivo, quello d’una massa rotante e centripeta.

Sì, massa rotante e centripeta.

Ogni elemento trova completamento nell’univoco destino di ciascun altro.

Elemento, non più soggetto, benché ognuno – palpitante, individualmente impareggiabile – lo sia in effetti, emozione e carne rivestendo.

Cosa vi è in comune con l’altra fotografia qui allegata?

La tinta, la visione zenitale in quota, la reificazione.

Reificazione?

No, il suo opposto, dicevo.

Da cosa persona, non da persona cosa, dicevo.

Nel summentovato altro mio articolo, continuavo:

“Foglia, soprabito, sudario, Sindone, vegetale, scultura, capanna, tenda, roccia”.

Quella era originariamente foglia.

Qui, è particolare gommoso in terreno a margine di depuratore.

E sì, estrapolando da quella teoria di definizioni, qui è sudario, Sindone.

Anche qui, viene d’aggiungere.

I due teli a margine, con noncuranza gettati – noncuranza d’esito artistico, non di funzione d’uso – sono anche qui sudario, Sindone.

Ma un sudario Sindone che spoglia, anziché ricoprire.

Spoglia perché efficacemente – virtuosamente – depriva d’accezione utilitaristica – per formalmente – icasticamente – asciugare in un Altro Possibile.

Altro Possibile che è la forma sinuosa che contrappunta forme lineari.

Sinuose e lineari che contribuiscono ad una giustapposizione complessivamente pesata.

Ecco, la fotografia.

Da persona cosa, da cosa persona.

Ogni sembiante, simbolo.

Ogni evidenza, plasmabile in diversa evidenza.

Con ciò meno evidenza, nella misura in cui il cambiamento indebolisce identità.

O la rafforza, rivelandola proteiforme.

Ecco, ancora, la fotografia: disvelare proteiformità, con riverente orgoglio.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!