L’organizzazione delle parti

Un manufatto edilizio.

Attorno, cose.

Disturbanti cose.

Le avesse il drone incluse, sarebbe stato colpevole di severo nocumento alla pulizia formale.

La prospettiva zenitale avrebbe infatti disvelato automobili parcheggiate con ordine endogeno anziché esogeno.

I guidatori avevano cioè collocato le loro vetture con rispetto sì della segnaletica terrena, ma in posizioni rispondenti ai fini di ciascuno.

Stesso orientamento in dipendenza delle strisce segnate, ma disposizione a scacchiera imperfetta e a macchia di leopardo.

Così, avendo tali elementi nella porzione periferica del fotogramma, si sarebbe assistito ad una geometrica disomogeneità, che avrebbe per corollario recato una infelice pesatura.

Ovvero una imperfetta  orchestrazione.

Di più: avrebbe anche incluso pali, o peggio: d’essi porzioni.

E anche rimanendo all’interno del manufatto vi erano criticità.

Ad esempio, condizionatori esistenti su di un solo lato al di fuori della forma generale (oserei definire riassuntiva).

Qui – nella fotografia che il tetto consegna ad uno sfondo chiaro – invece si ha sì una presenza superiore che non trova corrispettivo inferiormente, ma è un navigare all’interno di un assetto in sé conchiuso.

Nell’immagine su sfondo scuro, peraltro, si introduce un certo tasso di concitazione, ma che non è alieno da saldezza distributiva, determinata dall’ancoraggio di fattori graficamente regolari e simmetrici.

Intendo: le tegole sono adagiate in ordine sparso, ma hanno una valenza ancillare rispetto alle ordinate travi.

Come mare agitato su molo, dunque.

Il concetto complessivo è, lo si voglia ridurre a slogan: apparente disordine sì, ma all’interno.

Avere inserito nell’inquadratura gli oggetti che sopra menzionavo, avrebbe innescato l’insorgenza d’indesiderate spinte centrifughe.

Lasciare che del dinamismo si sfogasse entro un definito perimetro ha invece cagionato la governabilità del movimento.

Sì, governabilità del movimento.

Così è sempre, in fotografia: forze agitansi, al fotografo il compito di tenere la barra senza farsi sopraffare dal vento.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!