Orfani di brandizione

Talune volte penosamente m’atteggio a bullo.

E’ quando ostentatamente brandisco a lungo ed a mano libera un pesantissimo teleobiettivo.

Parimenti, è possibile fare cose pur manendo orfani di brandizione.

Orfani di brandizione?

E’ quando scattiamo fotografie o realizziamo filmati senza imbracciare il mezzo di ritrazione.

Quando questo avviene?

Non solo con i droni: anche con fotocamere o videocamere non direttamente imbracciate, pur terrestramente.

E’ il caso di dispositivi fissati tramite ventose ad automobilistiche carrozzerie.

Tutto ciò considerato, può accadere che un video consista di sequenze ottenute in entrambi i summentovati modi, illustrando in modo polivamente – anche se non esaustivo – una situazione, senza mai toccare gli oggetti che hanno reso possibile il composito prodotto.

O di come essere diversamente sinergici, utilizzando termini oggidì in voga.

In questo filmato si salda la succitata polivalenza con il tema dei trabucchi.

Trabucchi?

Così, o anche trabocco, travocco, bilancia.

Il termine designa una particolare struttura di pesca a riva, classificata come patrimonio monumentale in Abruzzo e Puglia.

In forma giusto un poco più tecnologica nei materiali, è tuttavia largamente presente anche nell’Alto Adriatico, oltre che nelle infinite diramazioni della Laguna veneta.

Si tratta di quelle ampie reti che si protendono verso l’acqua, sorrette da un insieme di pali.

Nel già menzionato filmato l’approccio alla loro intrinseca tipicità avviene in un modo estemporaneamente atipico: prima di passare alla articolate – frontali e zenitali – riprese dronuali, l’incipit è costituito da una veloce carrellata (a 50 km/h resi costanti dall’attivazione del cruise control, curva a 90 gradi compresa) effettuata con un Dji Pocket 2 montato sul tetto della vettura impiegata tramite un granitico treppiede dotato di altrettante ventose.

Mai camera è stata toccata, ed insomma.

L’esito è prolisso – fa desiderare una versione accorciata, peraltro sempre possibile – ma ha lo scopo di mostrare la realtà descritta dal punto di vista del comune viaggiatore (automobile) e dal punto di vista di un volatile (drone).

Le località prescelte sono relativamente distanti tra loro (Sacca di Scardovari e Comacchio) ma risultano accumunate da quel senso di luminoso eppur opaco struggimento che timbricamente caratterizza quei lidi.

Ecco dunque la poliformità di fotografia e videografia: se il loro humus elettivo saldamente risiede in quelle riprese ove l’artefice è saldamente avvinto al dispositivo che le consente, le variazioni di prospettiva non possono che apportare una dilatante complementarietà.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it

All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2021 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!