Ordine, rappresentazione, esecuzione

Ora blu, irregolarità.

Un contenitore è ancora illuminato, ma parzialmente sfasciato.

Notte, contrapposizione.

Contrapposizione tra la severa geometria delle colonne e la disordinata intrusione dei graffiti.

Giorno, edificio industriale.

Disegni regolari, colti in taglio di simmetria.

In due parole, ordine & disordine.

Ma dove sta l’ordine e/o la sua negazione?

Meglio indirizzando il quesito:

Dove avviene l’ordine e la sua negazione?

Sì, avviene.

Ho titolato Ordine, rappresentazione, esecuzione.

La rappresentazione è operazione statica: si vede una cosa, la si riporta senza intervento.

L’esecuzione è l’intervento quando avviene.

E’ la composizione il luogo dell’esecuzione.

Nella seconda fotografia descritta ordine e disordine sono rappresentati perché impersonalmente illustrati in prospettiva frontale.

Nella terza l’ordine preesiste – mercè linearità degli oggetti – ma viene intensificato dalla creazione di simmetria.

Creazione, simmetria?

Sì, tramite l’inquadratura.

Si è optato per una ratio tra i lati di 16:9 e si è determinato specularità facendo coincidere la metà verticale dell’immagine con pomello e serratura del vano sportellato.

E’ il passaggio dall’osservazione – che porta a constatare, nell’esistente, la qualità di ordine e disordine eventualmente presenti e/o coesistenti – all’azione che traverso il taglio ridefinisce.

Traverso il taglio ridefinisce?

Quando il fotografo è presso il sito della ritrazione, se la sua attenzione è volta a ricercare ciò che di omogeneo o dicotomico trova quanto ad ordine e disordine, la sua percezione antecedente allo scatto è quella che l’angolo di campo del visus, la rotazione dell’occhio ed il movimento motorio gli consente.

Nella terza immagine vi è stata la scelta sovrimposta di fotografare, ed il perfezionamento dell’intenzione in ambito postproduzionale.

Sì è così aggiunto ordine ad ordine, in base a ciò che poc’anzi spiegavo nell’analisi della fotografia.

Trovare ordine e mettere ordine, ed insomma.

Certo, occorre partire da un determinato primigenio tasso di pulizia.

Determinato primigenio tasso di pulizia?

Una situazione – ai fini fotografici – può essere sporca quando contiene elementi dissonanti alla direzione espressiva che si vuole intraprendere.

Dissonanti…direzione espressiva?

Si trovano cose che parlano la stessa lingua, e va bene.

Si trovano altresì cose – in una stessa inquadratura – che evocano pensieri diversi, e non va più bene.

Si noti: cose antitetiche fanno parte dello stesso eloquio:

Ordine, va bene.

Disordine, va bene.

Ordine + disordine, va bene.

Ordine + cose incongruenti, non va bene.

Disordine + cose incongruenti, non va bene.

In un treno in corsa, va bene che un passeggero percorra il vagone in senso opposto a quello di marcia.

O scarti di lato, o rimanga seduto, va ugualmente bene.

Se il treno in corsa è ritratto nel momento in cui un palo a lato dei binari ne cela porzione, non va bene (al netto di scelte inerenti, ma trattare qui questo aspetto ci condurrebbe lontano).

Ergo, l’intervento è proficuo se s’inserisce nel solco di una chiave interpretativa univoca.

Si interviene su quello che c’è se vi è margine per rispettare l’esistente ed allo stesso tempo rimarcare un significato, con l’ausilio dell’inquadratura.

Certo, il confine tra rappresentazione ed esecuzione è sfumato.

Non si può abdicare alla rappresentazione, e per converso non ci si può sottrarre all’esecuzione, intensa come gesto forzatamente mediatorio, eddunque intrinsecamente non neutrale.

Intrinsecamente non neutrale e necessariamente aperto alla polimorfia del significante: una stessa cosa dice più cose, e chi scatta può veicolare verso più cose ma non oscurare le altre.

Ecco, la fotografia: una continua ondulazione.

Una incessante oscillazione tra ciò che si trova, ciò che si fa, ciò che altri vedono.

Un poderoso vento, ed insomma.

Di cui è dolce lasciarsi intridere.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2021 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!