Notturnità d’artificiale occhio

Così si presenta di notte l’Isola Bella tra le Borromee ritratta da Stresa.

Ma non a occhio nudo. Piuttosto, traverso mediazione di un obiettivo regolato a focale 400 mm montato su fotocamera con sensore di formato Leica.

Dalla originale ratio di 2:3 si è passati ad un rapporto d’aspetto di 5:7: in tal modo si è utilizzato un rapporto tra i lati confacente al contenuto dell’inquadratura senza modificare il rapporto d’ingrandimento. Il quale, ricordo, subisce una variazione solo allorquando i valori di entrambi i lati vengono alterati.

Altrimenti, come in questo caso, siamo al cospetto di una esclusione che non comporta una variazione nella dimensione apparente del contenuto superstite dell’inquadratura

Claudio Trezzani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!