Non solo quarantacinque gradi

Demosaicizzazione, matrice di Bayer, quelle cose lì che si fanno per superare lo zero e per superare l’uno.

Sì, per superare lo zero e superare l’uno.

E non sto parlando di traduzione in colori.

Piuttosto – e al di là di quanto succede dentro la fotocamera – mi sto riferendo ad orientare la percezione.

Sì, orientare la percezione.

Se il nostro cervello fosse grezzo come lo è una sequenza di  zero ed uno, le due eccellenti fotografie a corredo di questo brano apparirebbero concettualmente identiche: tutte e due presentano una – piuttosto inusuale, ma efficace – inclinazione di 45 gradi del volto rispetto all’inquadratura.

Ed invece no, e per fortuna.

La mente umana dispone di ben altri strumenti per leggere una immagine, e queste due fotografie mirabilmente giostrano con tali facoltà.

Ora vi dico una cosa disgustosamente tranchant, per subito dopo pentirmene:

Anastasia, la modella di Alexander Zvir, è tridimensionale; Aphorate, la modella di Kasra Saadatju, bidimensionale.

L’immagine di Alexander si libra ariosa.

Si libra,e si protende.

Sì, si protende.

Si scatena un potente movimento prospettico del viso verso chi guarda.

Anastasia non si cura delle dolci pennellate alle sue spalle.

Piuttosto va verso chi la rimira, con propensione, oltre che protensione.

Ma è una propensione in picciola misura altera, come chi nutre spiccato orgoglio della propria condizione.

Aphorate, ora.

Anche la modella di Kasra guarda verso l’obiettivo, ma esprime uno stilizzato distacco.

Sì, uno stilizzato distacco.

Non sdegnosa ritrosia, chè anzi impronta sguardo e muscoli facciali ad un certo grado di accorata partecipazione.

E’ la postura ed il tono, invece, ad esprimere lo stilizzato distacco che discende dal farsi parte di un grafismo con giusto un sentore d’arabesco.

Abbiamo così in Anastasia una concessione con riserva; in Aphorate una palpitazione subordinata.

Dunque, istanze incrociansi.

Incrociansi, ma all’interno di un taglio preponderante, che – come osservavo nell’incipit di questo articolo – orienta la percezione.

Ecco, la Fotografia.

Esplora mondi, rendendoli mercè il mondo che ciascun artefice ha dentro.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2021 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!