L’isolazione a focale inversa

Fiume.

Su di esso tronco.

Prenderlo tutto, nel senso d’abbracciarne l’interezza inquadratoria.

Tra le due fotografie a corredo di questo brano, lo fa quella effettuata con un supergrandangolare.

Ma siete sicuri che è un supergrandangolare?

No, la focale è 35 mm sul formato Leica.

Non parrebbe, nevvero?

Non lo si direbbe in quanto la composizione abbraccia un esteso angolo di campo apparente.

Angolo di campo apparente?

Tecnicamente il concetto non esisterebbe: i gradi, la diagonale, interfacciati all’entità del supporto sensibile, quelli sono.

Eppure il concetto di angolo di campo apparente è ammissibile nella misura in cui contenuto e disposizione d’elementi possono indurre l’occhio umano ad interpretazioni errate, a questo riguardo.

Poi c’è l’immagine ottenuta a 190 mm.

Orribile, indecente, degna di un museo d’orrori.

Perché lo affermo?

La faccenda è quella sunteggiata nel titolo di questo articolo: “L’isolazione a focale inversa”:

L’isolazione a focale inversa?

Sapete, la così appellata Pulizia Formale è ordinariamente ottenuta mediante isolazione.

E l’isolazione è correntemente attingibile “stringendo” l’inquadratura, allo scopo di escluderne elementi di disturbo.

Qui avviene il contrario.

Per angoli di campo estesi, il tronco adagiato in acqua gode di attorniante agio.

Attorniante agio determinato dalla neutralità – dalla dolce sericità – della distesa acquea.

Nella fotografia a focale 190 mm, invece, le nefandezze visive provengono dallo sfondo:
esso non è più “distaccato” dal tronco, e reca pornografiche grevità, consistenti nella pesantezza e sovrabbondanza di elementi indesideratamente definiti, eterogenei tanto tra loro quanto rispetto al medio campo divenuto primo, che è il soggetto della composizione.

Dunque, il paradosso: una focale corta che consente un certo grado di prosciugamento, nella direzione di una essenzialità formale; per converso, una focale lunga che porta una sgradevolezza affastellatoria, dono avvelenato della compressione planare.

Così in fotografia come nella vita, nell’infinità articolazione del visivo scibile: il rapporto tra mezzi ed esiti non è univoco.

Suscita sconcerto ciò?

Piuttosto, il lirismo che alligna in ogni attonicità possibile.

La poesia dell’imprevedibilità, ed insomma.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!