L’intrusione & l’intimità prezzolata

Potete farlo in Central Park a New York.

O a Milano.

O nel Vostro giardino, ne aveste uno.

Funziona così:

Vi sedete su di una panchina in un punto arretrato, riparato ed arboreamente avvolto, indi scattate.

Sembrerà siate in una foresta.

E che i casermoni avanti voi siano anch’essi in una foresta.

Ecco l’intimità prezzolata: eravate effettivamente in un bozzolo, ma non è vero che anche l’intorno lo era.

Poi c’è la – mirabile – fotografia di Gerard Bret.

Sì, lì non c’è il rischio che l’orizzonte liquido sia scambiato per una foresta.

Dunque, quegli arbusti lì sovrastano Voi, non la scenica interezza.

Epperò c’è di più.

Meglio, di meno.

E’ non è solo una questione di prosciugamento.

Prosciugamento?

Sì, la faccenda che ci sono poche – stagliate, graficamente affilate – cose, anche se suona peregrino parlar di asciuttezza in un contesto superiormente bagnato.

Piuttosto – e precipuamente – è una questione di metafisica relatività.

Metafisica relatività?

Provate a capovolgere verticalmente l’immagine, se V’aggrada.

Ecco, le elevate fronde divengono vegetazione.

Certo, sì, nella liquida distesa divenuta (per prospettica inversione) cielo non succedono quelle cose:
non ci sono siffatti segmenti, lassù.

E tuttavia, la sublime neutralità tonale e l’assenza di trama dei due sfondi consentono lo scambio.

Ed inoltre, difficile trovare – Gerard c’è riuscito – una sì pronunciata fermezza  negli steli per distrazione d’Eolo (nessun vento a disturbar compostezza), tal da rivaleggiare con la fissità dei pali in acqua (“originariamente” in acqua).

Ecco l’intrusione, ma dolce.

Quel piano prospettico che invade la porzione superiore – in nuce, inferiore, dicevamo – dell’inquadratura par alieno  a petto dello sviluppo complessivo.

Alieno sia per collocazione longitudinale che per valore compositivo.

Ecco, valore compositivo.

E’ lì che principia la summentovata metafisica relatività: il fotogramma da ponderoso romanzo diventa essenziale haiku.

Da romanzo ad haiku perché non c’è più una giustapposizione di piani, una estesa descrizione naturalistica, pur condensata.

C’è invece una scrittura eminentemente bidimensionale, fatta di tratti che non nutrono ambizione aerea.

Non nutrono ambizione aerea?

Sì, poiché sono lì a punteggiare, non a rappresentare fisicità.

Ecco, la Fotografia: rendere, variare, sognare.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!