L’Impegno & La Rinuncia

Scena prima.

Ieri, cascata del Cucù.

Sarà per l’intonazione beffarda del lemma, il risultato è stata la sconfitta.

Vedete il ligneo parapetto presso il margine inferiore della fotografia, una delle due a corredo di questo brano?

Grazie d’aver gettato lo sguardo in quel punto.

L’immagine è documentaria, priva di qualsivoglia valore linguistico.

Se la riporto è meramente per finalità illustrativa.

Gli è, manzonianamente, che l’unica prospettiva che ho reputato degna di considerazione è quella alla base del flusso acqueo.

Dunque, occorreva gettarsi, e l’ho fatto.

Mi sono disteso in terra passando tra una traversa e l’altra e ho cominciato la discesa, dapprima tenendomi ad appoggi di fortuna.

Ad un certo punto, però, ho compreso che il terreno non mi forniva ulteriori appigli per guadagnare la base del precipizio.

Mi trovavo dunque a mal partito, e solo l’intervento provvidenziale di persona presente presso il sito mi ha consentito di trarmi d’impaccio.

Senza fotografia dalla prospettiva desiderata, e con il personale abbigliamento ridotto a poltiglia informe.

Già, la prospettiva desiderata.

Desiderata, ed obbligata.

O poter andare esattamente in quel punto, oppure niente.

Certo, ho effettuato alcune ritrazioni fotografiche e videografiche, utilizzabili in altri ambiti, ma nessuna immagine che considero dotata di compiuta espressività.

Già, la compiuta espressività.

Realizzare ciò che si ha in mente, non ciò cui la situazione costringe.

Scena seconda.

Stesso giorno, più tardi.

Dopo breve arrampicata, raggiungo ulteriore cascata.

Rivedo postazione che conoscevo, ed il problema rimane lo stesso: raggiungibile solo piantando chiodi da alpinista in roccia, equipaggiamento e perizia che non posseggo.

Terza scena, ormai è pomeriggio.

Siamo – è l’altra fotografia allegata a questo articolo – presso una terza cascata, situata questa a bordo/strada.

Nessun problema logistico, ma con una limitazione: con la base interferiscono manufatti, ergo ne ho eliso porzione.

Infinite altre pregresse scene, sullo stesso tema: in acqua sino alla vita, altrimenti niente.

Cosa ci dice ciò?

Che l’obiettivo – la lente – necessita di un obiettivo – lo scopo.

Se il pensato non coincide con l’eseguito, non siamo in presenza di un’opera in grado di vivere sua consapevole vita.

Qualora l’agognato non corrisponda con il possibile, non vi è compiutezza estetica.

Sempre strenuamente tendervi, è tuttavia imperativo tinto d’etica.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!