L’immagine e la parola

C’è un brano di Alan Brandt e Bob Haymes, uno standard jazz solitamente trattato come ballad.

Si chiama  “That’s All” e, melodicamente, è degno del peggior Beethoven.

Chi pratica entrambe i generi, capirà la semicelia.

Il fatto è che ripete ossessivamente gradi d’arpeggio, sia in A che nel ponte.

Poi però l’armonia interviene.

Ancor più intervengono, rispetto all’armonia data, le sostituzioni dei vari esecutori.

Ma la melodia , con la sua greve architettura, è lì ad appesantire.

Certo, i migliori solisti la lavorano.

Ma il punto di svolta è la parola.

Se cantata, anziché suonata, per ciò stesso la melodia assume novelle pieghe.

La parola, con la metrica, differenzia e cesella da subito.

Un “sol” ha la stessa altezza del successivo, ma il primo è rivestito della sillaba “on”, mentre il secondo si dilata in un “give”.

E ciò precede il significato.

È una pregnante modellazione curva, che, tornendo, arricchisce.

È suono nel suono.

Ma quando la parola vale pel significato, le cose si complicano.

Gerardo Bonomo, con il suo consueto acume, notava come quando i costruttori di fotocamere hanno cominciato a fabbricarle di plastica anziché di metallo, è spuntata fuori la definizione “macron rinforzato in fibra di vetro”.

Ovvero, una altisonante perifrasi per far digerire la non del tutto gradita innovazione.

Ed è lo stesso Gerardo che ci informa la Mamiya 7 venir familiarmente chiamata “Leicona”.

Che fa il paio con “Hassy”, come gli affezionati chiamano il pregiatissimo cubo svedese che è andato sulla luna.

Ecco, giorni fa rimiravo una bellissima fotografia di David Zhornski realizzata proprio con una Hasselblad.

Poi mi scappa l’occhio sulla sovrastante descrizione, e vedo che la chiama “blad”.

Si “-blad” come la terminazione del cognome del costruttore, non “Hassy”.

“Blad” come lama, e il pensiero corre subito a quello che gli anglosassoni denominano, di un obiettivo, “razor sharp”, e che noi diciamo affiliato come una lama.

Ed è vero, la Hasselblad monta dei vetri incisi, che rendono le fotografie nitide e microcontrastate

Ma ho sbagliato a leggere sopra.

Avrei dovuto guardare la fotografia e basta.

Lì c’era già tutto, senza bisogno di parole.

Ecco: la parola che ha aggiunto condimento alla ballad, nell’immagine è pleonastica.

E possiamo raccordare la riflessione prendendo spunto dal fatto che abbiamo nominato la nitidezza.

Vedete la seconda immagine a corredo di questo brano?

È una tabella che spiega l’acutanza.

E le due microfotografie che contiene, illustrano più di mille parole.

 

All rights reserved.

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/account/artworks/874534

 

Lascia un commento

error: Contenuto protetto. ©NOCSensei