L’episodica applicazione

Minimo comun denominatore, il Talento.

Sapete, esso trovasi tanto ramificato quanto parcellizzato.

Esso cavalca e disdegna.

Cavalca quando travalica confini.

Disdegna quando s’appunta e schiva.

Accade – intendo – che persone si dedichino ad una circoscritta area dello scibile, ed allo stesso tempo amino effettuare succose incursioni in promettenti limitrofie.

Ma il Talento – quando c’è – “set the tone”, come direbbe un anglosassone.

Informa di sé qualsivoglia agire, è scaturigine di esiti alti anche in territori non usualmente solcati.

Ed il Talento, in Carmen Ansi e Marella Giovannelli, c’è.

Carmen – mente affilata, percezione profonda – fa una gita in montagna.

Siede al tavolo, sciorina il frusto instagrammiano costume di fotografare beveraggi.

No, non Carmen.

Fa ben di più, Carmen.

Certo, non è una professionista dello still life, altrimenti avrebbe addomesticato le ombre sul bicchiere.

Ma l’intento – indubitabilmente, il risultato – è elevato.

Rende vivida atmosfera con felicità di mano, Carmen.

Restituisce, ed insomma, Carmen.

Restituisce il calore del tavolo, cita il suo artefice in cielo, colloca vette in cartesiana ma palpitante proporzione.

Una composizione sapientemente – od istintivamente, che è ancor meglio – orchestrata, con pesi a danzare in musicale armonia.

Marella, ora.

Poetessa, scrittrice, giornalista.

Ispiratamente lirica nel metricare, gustosamente tagliente nel penetrare le dinamiche in società.

Piove, nella Sardegna che sa ben cantare.

Uno scatto al di qua del vetro, ed è subito alato.

La matrice pittorica veleggia nel fotogramma, liquidamente ne accarezza ogni parte con suadente onirismo.

Ma c’è un ulteriore fotogramma di Marella che induce grata delibazione.

Un fotogramma che sono due fotogrammi.

No, non lo sono, invero.

Sì, lo evocano, ciò espressivamente importa.

Ciò che ho scritto in proposito a Marella è allegato a questo articolo.

Eddunque, ove siate stati punti da vaghezza dell’esserVi soffermati sulla summentovata esplicazione:la vigorosa inquadratura sortisce il subitaneo effetto di pilotare un asprodolce inganno, ergo un abbacinante incantamento.

Caverne platoniane, suspension of disbelief, siamo sempre lì.

Ecco, il Talento.

Carmen e Marella non hanno quale loro principale occupazione la fotografia.

Così, la loro applicazione in questa disciplina è episodica, estemporanea.

Ed insomma Carmen e Marella idealmente e per converso parafrasano la Bibbia (Romani 11/33): lor vie carsicamente sgorgano, ma sono tutt’altro che inscrutabili.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2023 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *