La sottrazione agognata

In “Il perdurare muta” consideravo come una lunga esposizione consenta di fare affiorare dalla notte opportunità latenti.

Ora ci occupiamo di una eventualità speculare: quella di evidenziar celando.

Proprio così: se dall’oscurità è possibile estrarre particolari insospettati, essa per converso consente anche di isolare distinte entità, che attorniate da spessa nerirudine si staglieranno per contrasto.

Prima fotografia a corredo di questo brano.

Un frigorifero all’interno di un bar chiuso e non illuminato.

Esso è l’unica fonte di luce nella scena, il che gli consente, libero, di fluttuare nello spazio amorfo. Ma è una fluttuazione radicante, ossimoricamente: proprio perché la sua collocazione, scevra da riferimenti, risulta indefinita, il manufatto troneggia con indisturbata quiete.

Seconda fotografia.

Ecco l'”evidenziar celando” cui accennavo: la notte trafuga, la notte elargisce.

Sottratta alla volgarità della piena luce, il particolare funzional/stilistico dell’automobile trovata parcheggiata in strada assume un ruolo totalizzante nel segno.

Ecco: la fotocamera ci dona facoltà d’indagine.

Rimestando nel reale, sapori in pentola subbollono.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/account/artworks/874534

 

 

 

 

Lascia un commento

error: Contenuto protetto. ©NOCSensei