La possibilità del velo

Monterosso al Mare negli oscuri recessi delle tenebre.

Sessione fotografica con tempi extralunghi, avete già capito.

Non li inquadrerò, ma al largo percepisco due distinti insiemi di luminescenze artificiali.

Li archivio nella mente come una piattaforma ed un peschereccio.

Intanto lavoro con funzionale pertinacia al soggetto della notte, altro rispetto ai summentovati lontani baluginii.

All’alba la rivelazione:
non erano piattaforma e peschereccio, si trattava invece di una goletta e di una navetta, di quelle che oggidì occhieggiano ai rimorchiatori.

E la goletta ha deciso di farsi incorniciare.

Sì, proprio lì ove sosto appare incuneata tra il faraglione ed il lembo roccioso adeso alla costa.

Ecco La Possibilità Del Velo (su vela).

Se il giorno ha la crudezza del dettaglio impietoso, la notte ci consegna una cifra onirica.

Che possiamo forzare con tecnici espedienti oppure secondare.

Sì, secondare.

Con la neritudine ad avvolgere, la Fotografia è ancor più il luogo ove la metafora s’incarna.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/account/artworks/874534

 

 

 

 

Lascia un commento

error: Contenuto protetto. ©NOCSensei