La Fotografia & Il Galantuomo

Da fotografo a fotografo.

Da pittore a fotografo.

Da poeta, prosatore, pensatore a fotografo.

Il fotografo, pittore, poeta, prosatore, pensatore è Karl Evver.

Il fotografo e basta sono io.

Karl mi invitò ad una conferenza che tenne a Brera.

Fu un trionfo.

Cosa m’autorizza affermarlo?

Sapete, carta canta anche quando è baritata o di sali d’argento irrorata.

Non mente, ed insomma.

Ed allora, prima ancora della stampa, il sensore pel tramite della lente catturò studenti persino appollaiati alle finestre.

Sì, appollaiati alle finestre.

Aula stracolma, eddunque.

Karl invitato a Brera come pittore.

E seppi che aveva conquistato la professoressa che lo ospitò anche come pensatore.

Aula sì stracolma, ma ora non lo si vede più.

Perché si spegne la luce.

Una studentessa è illuminata dal solo bagliore del laptop, tramite quello segue l’opera di Karl.

Poi uno schermo troneggia sull’oscurità.

E’ l’opera di Karl a signoreggiare.

La luce viene riaccesa.

Così studentessa può seguitare su carta appuntare.

Ecco, carta.

Carta canta, dicevo.

Scripta manent, vien da sè aggiungere.

E volant, scripta, più dei verba.

Rimangono e volano.

Rimangono, abbiamo già detto.

Volano, se l’opera è di Karl Evver.

Liricamente, volano.

E prima di volare, si posano.

Sugli astanti, si posano.

E’ il momento del bagno di folla.

Che non è folla, è un ideale abbraccio tributato dagli studenti.

Karl delucida, argutamente contrappunta.

Ora è morto, Karl, repentinamente e prematuramente stroncato dall’irrimediabile.

Karl Evver, noto anche con altri artistici pseudonimi che adoperava nei libri che ha scritto: Jakob Shalmanaser e Teostibe.

Karl, Jakob, Teostibe.

Il Conte Karl.

Lo era davvero – di astigiana nobiltà per blasone – anche se non lo diceva.

Non lo diceva, ma inconsapevolmente lo rivelava.

Mi riferisce la Compagna della Vita: lo percepivo anche dai modi, dalla sensibilità, dal tratto.

Sì, anch’io ebbi subito la stessa impressione.

Signore nell’animo, indipendente dal feudo che suoi avi ebbero.

E’ l’opera di Karl a signoreggiare, scrivevo.

Lo farà a lungo.

Perché lui non è più, ma sua vita fulgidamente continua traverso ciò che fece.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2023 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *