La Fotografia e Proust

Marcel Proust asseriva che i battelli a vapore deprivassero la distanza di dignità.

Già, la distanza.

Odora di separazione, la distanza.

Esprime il tempo, la distanza.

Come fosse delittuoso comprimerlo.

Come fosse disdicevole divorare in breve lasso ciò che per essere delibato esige lentezza.

Come fosse profanazione dell’aristocrazia abiurare la distanza.

Sì, il παζος della distanza che Friedrich Nietzsche teorizzava.

Antonio Giovanni Maria Zetti lo conosce bene, Nietzsche.

Capirete, è filosofo anche lui.

E l’ha violata, la distanza, Antonio.

Virtuosamente l’ha violata.

La distanza per la summentovata equivalenza col tempo, intendo.

Perché non c’è voluto molto, ad Antonio.

Un telefonino, un telegrafico tappare sullo schermo.

Eppure, è subito astrazione.

Un risultato che par frutto di meditata e prolungata cogitazione, e che è invece figlio d’innata sensibilità, subito estroflettibile.

Quanto Antonio ha prosciugato lo vedete dall’impietoso raffronto.

L’oscena miniatura è uno screenshot dalla funzione Street View di Google Earth.

I fisici pluralisti greci decretavano οὐδέν ἐξ οὐδενός.

Lucrezio traduceva ex nihilo nihil fit.

Sì, niente viene dal nulla.

Anche un’opera artistica può aver scaturigine da un abominio.

Perché sì, la miniatura di Street View è un abominio.

Fotograficamente, è un abominio.

Un indecente affastellarsi di elementi, una sgrammaticata congerie di eterogeneità.

Antonio no, non cede alla tentazione.

Non s’arrende alla volgarità della documentazione capillare, Antonio.

Sapete, che less is more non c’era bisogno degli inglesi per avvedersene.

Via quasi tutto, per avere di più.

Puro grafismo, abbasso la letteralità.

Già, abbasso la letteralità.

Non si riconosce più il bar, è questo il pregio.

Prosciugare, dicevo.

Come avesse eliso il chiacchericcio attorno, Antonio.

Solo una voce conta.

Quella di un pensiero limpido, univoco, cartesianamente in sé conchiuso.

Ecco l’astrazione, ecco la Fotografia.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2023 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Alert: Contenuto protetto!