La danza della pioggia

Per un Cherokee – il nativo americano, non la fuoristrada – la pioggia è da invocare non solo per terrena fertilità, ma anche per purificare da spiriti maligni.

Per i fotografi lo spirito maligno è Ηλιος.

Sì, il Dio del sole.

Distrugge la poesia, il sole.

Sapete, giorni fa scendeva un pioggerellina fine, gentilmente rigava i vetri dell’automobile.

Al di là dei vetri un airone impettito la sfidava presso una roggia.

Non si ripara, lui.

Immagino preferirebbe, ma ha da procurarsi il cibo.

E non scherza, lui.

Neanche noi fotografi dovremmo scherzare, eppure vi incorriamo.

Io cerco di farlo il meno possibile.

Con ciò intendendo: non esimermi dal vagare al limite della pioggia.

Appena smette, o si riduce ad acquerugiola, io scatto.

Sapete anche questo: con attrezzatura terrena l’acqua che scende dall’alto la si può anche ragionevolmente affrontare, a patto che siano tropicalizzati sia il corpo macchina che l’obiettivo.

Con il drone, no.

Certo, c’è il rischio di compromettere l’elettronica della camera.

L’eventualità più incresciosa è però che il drone cada.

Caso non frequente, ma drammaticamente possibile (successe persino a modelli marcatamente professionali).

Sì arriva così ad una divaricazione di resistenza tra accessori e mezzo.

Ad esempio, anche un iPhone piuttosto vecchio – abbinato al radiocomando di conduzione – dichiaratamente resiste a qualche aggressione umida – mentre solitamente (ma esiste qualche fabbricante che ne realizza di sub/super acquei) un drone non garantisce alcuna capacità di affrontare l’evento.

Perché tutto questo dannarsi per ciò che il cielo scarica?

Sapete, nell’incipit di questo articolo avevo scritto che per i fotografi lo spirito maligno è Ηλιος.

Distrugge la poesia, aggiungevo.

Dunque, fotografare o videografare al limite della pioggia è un’autentica benedizione.

Quel giorno, dopo che l’immagine dell’airone indomito era scorsa e svanita traverso il finestrino, mi sono recato presso una fluviale lanca morta.

Convenzionalmente morta per elisione di sbocco, ma vividamente via per ciò che è ed ospita.

L’essere umano intridendosi di queste acquosità torna alla primigenia esistenza intrauterina.

Rade gocce cadevano, eppure ho dovuto – interiore insopprimibile dovere – far alzare in volo il quadrirotore.

Le due fotografie e il filmato (nella sua sequenza intermedia e finale) a corredo del presente brano mostrano lo scenario incontrato.

E’ quando il sole è trattenuto che la poesia s’eleva.

L’intimità non è altrimenti raggiungibile.

L’airone, lo sa.

A noi non resta che osare, abbandonarci all’abbraccio, partecipare al soffuso lirismo.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *