Interdisciplinarietà & Interemozionalità

“Brunelleschi…” disse Dante, alludendo all’armonia degli elementi.

“Michelangelo…” commentò Diotivede, pensando alla materia trasformata in vita.

“Leonardo…” continuò Arcieri, omaggiando la tecnica al servizio della fantasia.

“Pontorno…” disse Bordelli, accennando alla follia dell’invenzione trasformata in equilibrio.

“Caravaggio…” mormorò Rodrigo, per i contrasti potenti e coraggiosi.

[…]

“Cézanne…” disse il sardo sorprendendo tutti: l’incomprensibile potenza della semplicità.

Da “L’anno dei misteri” (Ugo Guanda Editore) del sapido, affilato narratore Marco Vichi.

Pittori, scultori, architetti ante litteram.

Quanto c’entra con la Fotografia?

Molto, se la rimiranda immagine è quella di Lars Fjellman a corredo di questo brano.

O dell’interdisciplinarietà ed interemozionalità, è il titolo del presente articolo e si riferisce all’osmosi nelle neuroniche elaborazioni e nelle palpitanti ricezioni delle nostre menti e dei nostri cuori.

Altrimenti esplicitando: volendo banalmente unificare nel lemma “sensazioni” quelle che proviamo al cospetto di un’opera d’arte – di qualcosa che vi riconduca, non necessariamente informata di primigenia univoca intenzione – esse non sopportano confino in singola branca o in esclusivo ambito dello scibile.

Coup de théatre, ora ed infatti: i personaggi di Marco Vichi stanno parlando di un vino.

Sì, proprio un vino.

Cose vagano, reciprocamente s’intridono, dolcemente collidono, nelle nostre teste.

E lo fanno catalizzate da altre cose, fuori.

Il palato suggerì a quegli estatici delibatori definizioni che ebbero scaturigine in pregresse coglizioni, al cospetto d’altrui parti.

Rimembrate?

Materia trasformata in vita, tecnica al servizio della fantasia, follia dell’invenzione trasformata in equilibrio.

Ecco, questa è la foglia di Lars Fjellman.

Foglia, soprabito, sudario, Sindone, vegetale, scultura, capanna, tenda, roccia.

Fieramente s’erge, ma non senza sorniona morbidità.

E’ l’opposto di una reificazione: non da persona cosa; da cosa persona, e piuttosto.

Vita senziente, eccioè.

La foglia soprabito sudario Sindone vegetale scultura capanna tenda roccia è consapevole del ruolo che riveste,  lo recita con perentoria immedesimazione.

Sì, materia trasformata in vita, dice Diotivede pensando a Michelangelo.

Là – se il riferimento era alla Pietà, ma esso è estendibile nella produzione del Sommo Caprese – vi era riproduzione di un imaginifico incarnabile.

Qui, di una oggettualità incarnata.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!