In fotografia, scavare

Recuperare.

Dal latino re + caperare (int. di capere).

L’etimologia dunque ci dice: prendere di nuovo.

E’ esattamente ciò che avviene ogniqualvolta il fotografo si accosta ad esempi di archeologia industriale.

Ma il prendere di nuovo – è questa la cosa concettualmente entusiasmante – non avviene meramente attorno una singola istanza.

No, le angolazioni emotivamente possibili sono due:

  • prendere di nuovo nel senso di figurarsi la vita che lì ferveva, protendosi nel tentativo di catturare lo spiritus loci che un tempo ivi albergava.
  • prendere di nuovo relativamente allo scavare.

Scavare?

Sì, qualcosa a che fare sia con la stratificazione che con la latenza.

Stratificazione? Latenza?

Consideriamo – se V’aggrada – la fotografia a corredo di questo brano.

Drone, ritrazione zenitale, tetto di capannone.

Anche l’aria ha i suoi cerripedi.

Incrostazioni e corrosioni, intendo.

Strati si sfaldano, rivelandone altri.

Il disegno si sfaccetta, ergo s’arricchisce.

Onirici disegni dipanansi, novelli percorsi serpeggiando stagliansi.

Ed è qui che dalla stratificazione si passa alla latenza:
ogni strato viene ad assumere un colore.

Che è in nuce e allo stesso tempo in fieri, ovvero una cosa suscettibile sia di sviluppo che di cambiamento.

Il fotografo, allora, riverente s’accosta al lavoro postproduzionale quale strumento di lirica catalizzazione.

Lirica catalizzazione?

Sì, permette agli strumenti di estrarre cose da cose.

Consente loro una cromatica esplosione, non avulsa ma consequenziale rispetto ai valori di partenza.

Non cose aggiunte: cose cui si è tributato vivido omaggio, liberando loro potere.

Ecco, scavare in fotografia.

Portare alla luce, sbalzare ciò che sotterraneo arde.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!