Il Prima & L’Oltre

Varcare o no.

Con il no egualmente potente.

Graziella Lupo Pendinelli non varca.

E cita Nietzsche:

Tu gli hai offerto occasione di mostrare grandezza di carattere ed egli non l’ha sfruttata / Non te lo perdonerà mai.

Graziella lo fa a margine della sua fotografia allegata a questo articolo.

Pregevole fattura, come si dice.

Ma qui lo è davvero.

Pregevole fattura dell’animo, quando il tono s’accorda con la sensibilità.

Scala vissuta, discesa, fuori morbido lucore.

Più avanti, nello stesso libro da cui Graziella ha tratto, il filosofo tedesco compatisce l’innata moderazione.

Se uno non s’abbevera al tavolo dell’esperienza, dice, s’impedisce suggere il sedimento, per tema d’imbattersi nella feccia.

Cosa troverà oltre quella porta, sedimento o feccia?

Certo, discesa è.

Verso l’Αιδης?

L’Ade, l’Averno, gl’Inferi?

Cosa c’è oltre quella porta?

Analizziamo la luce, per saperlo.

Morbido lucore, dicevo.

Così il dubbio rimane: troppa luce per essere il Prato degli Asfodeli (luogo dei tiepidi di spirito); non abbastanza sfolgorante per appartenere ai Campi Elisi, sede dei nobili in spirito.

Il dubbio rimane sul fuori, ma non sul dentro: chi sosta lì, è persona da Prato degli Asfodeli.

Perchè non varcando non osa, scansando la feccia ma non godendo il sedimento.

Michael Nash, ora.

Qui siamo all’Oltre.

Di eloquente brutalità.

Quale più abbacinante epitome della speranza nella Varsavia del ’46?

Sapete, sono un parnassiano inveterato, ma qui la contestualizzata temperie in un lampo mi cattura.

Ma subito accantono il sociale – per me bestemmia quando prostituisce la fotografia ad idea terza – per concentrarmi sull’universale.

Sull’Eterno Respiro dell’Essere Senziente.

Eppoi, la vertigine.

Una vertigine di stampo escheriano, per come è inscenata.

Fotografo fotografa fotografo, scena smentisce scena.

La stratificazione di rappresentazione ed illusione.

L’illusione svelata eppur vissuta.

Vissuta per scacciarla.

Sì, ora è cortina, poscia diverrà realtà, proclama la donna.

Desiderio attende sconfitta delle macerie.

Sedimento, tra la feccia, qui.

Ecco, la Fotografia: non temere il tuffo.

Varcata la soglia, scrollata la feccia, si nuoterà verso il sedimento.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2021 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!