Il ginepraio

Non se ne esce.

Meglio: non se ne circoscrive.

Cosa intendo?

Intendo la conciliazione di spinte divergenti.

Spinte divergenti?

Quando in una stessa inquadratura vi sono forze composite, cui è arduo assegnare peso dialogicamente congruente.

Peso dialogicamente congruente?

Il fotogramma par tagliato definitivamente in un lato, in un angolo.

Non altrettanto in una diversa zona, che parla una ulteriore lingua.

O la stessa, con diversa pronuncia.

Lingua, pronuncia?

Consideriamo le due fotografie in visione zenitale, tra quelle dronuali a corredo di questo brano.

Quella caratterizzata da un più ampio angolo di campo vede quale limite in basso a sinistra un pannello solare inclinato.

Collocazione che reca per corollario la distribuzione ed attribuzione di pesi in ogni altro elemento, sia esso vuoto od articolatamente tornito.

Quella in scala di grigi sullo stesso soggetto opera esclusioni che per converso sottolineano i componenti risparmiati alla cesura.

In ciascuno di questi casi, epperò, la parola è sbavatura.

Sì, sbavatura: se ciò che va bene in un punto non funziona altrettanto in un altro, l’orchestrazione introduce dissonanze.

L’orchestrazione introduce dissonanze nella misura in cui l’organicità è dispersivamente frammentata, la sintesi imperfetta, la coesione latitante.

L’insidia – la difficoltà di ricondurre ad unità – è presente anche nella fotografia in prospettiva frontale.

Anche qui è difficile ottenere unum ex pluribus.

Il borgo quale compatto agglomerato ne fornirebbe illusione.

Un inerpicante grappolo, compatto anche per reiterate cromie.

Ma il campanile, la chiesa , le case.

No, lì non ci siamo.

Non ci siamo perchè non vi è univocità d’orientamento.

L’inallineamento tra campanile e chiesa rappresenta la più dolorosa divergenza.

Perchè non vi è concordia tra oggetti di complementare funzionalità.

Insomma, le parti non cantano nella stessa tonalità, pur ricomponendosi in un insieme paraorganico.

Cosa fare, allora?

Ruotare.

Sì, ruotare.

Lo faccio nel video allegato.

Nella simultaneità i rapporti non mutano.

E tuttavia, il dinamismo conferito dal movimento e dalla successione temporale, se non smentisce, stempera.

Sì, non smentisce ma stempera.

La mente umana si sintonizza su un diverso codice interpretativo.

Tutto è ciò che è, ma la rivisitazione del mutato mezzo induce un differente approccio.

Ecco, droni, fotografia, videografia.

Si ruota attorno l’esistente, non fuor di metafora.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!