Il conglomerato & il sé

Semplificando, posso sunteggiare alcuni spunti presenti nei miei due precedenti articoli affermando che riguardavano la presenza nell’inquadratura del sé del fotografo.

Poi vi sono le costruzioni attorno ad un sé.

Già, il sé del fotografo ed un sé ideato.

Si fa presto a dire sé, sia il (attribuito al fotografo) o un (rappresentato dal fotografo).

Gli austriaci si sono scervellati, su questa cosa qui.

Prima di Freud, Kohut ha teorizzato il sé come una entità psichica mossa dall’io e forgiata dal confronto con altri sé.

Kohut o no, suona intuitivo ritenere che in una opera dell’umano ingegno la differenza tra il sé esplicitamente rivelato dall’autore ed un sé frutto di elaborazione artistica la differenza è sfumata.

Se si vede l’autore, si vede l’autore; se si vede una cosa fatta dall’autore, è sempre espressione dell’autore.

Mario Soldati – esempio topico, ma vale per tutti, tanto da spingermi ad affermare che in letteratura tutto è narrativa, persino la saggistica –  traeva molto dalla sua vita, nello scrivere, ma anche non l’avesse fatto la sua personalità sarebbe trapelata traverso la cifra stilistica.

Costruzioni attorno ad un sé, dicevo.

Siamo al conglomerato di Javier Luna.

Si, conglomerato.

Sapete, potrei dilungarmi su suggestive e soggettive analisi e interpretazioni di sapore metaforico.

Dire che il bulbo oculare pare un mondo, i nervi i confini di sua carta politica, il cristallino un vulcano, la pupilla sua eruzione…

Che il frammento d’uomo sovrastato da quel mondo non può sottrarsi alla dimensione universale che ne condiziona i pensieri, e che…

No, basta così.

Basta una parola, conglomerato.

Gìà, conglomerato.

Vuol dire un sacco di cose, conglomerato.

A me basta l’accezione geologica.

Di questa, il granuloso fluire, addensarsi, compattarsi.

Carne è, materia viva.

Carne più carne di quando era carne davvero, mai fosse stata.

Un mirabile esito di Javier.

Ecco, la Fotografia.

Sa farsi lirica scultura, quando può.

E qui, può.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

 

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito dei specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!