Fotografia, direzioni, passaggi

La fine intellettuale Gaia Altavilla accosta, per sensazione evocata, una mia ritrazione dronuale al pascoliano nido.

Osservazione generosa ed indulgente da parte sua, anche se qui ci spostiamo dalla Garfagnana alla Val Taleggio.

Ma Gaia nel percuotere il diapason catalizza vastità di tema.

Ella da il là alla gioiosità d’interconnessioni possibili.

Quelle che la fotografia rende possibili, intendo.

Ed allora un paesaggio induce ad un passaggio, se mi scusate la sottrazione di vocale.

Il passaggio a luoghi propri, o fatti propri tramite mediazioni.

Mediazioni di carta stampata, o pellicole proiettate.

Così a Lierna c’è una casa.

No, non reca targhe celebranti illustri soste.

Eppure trovo epitomizzi il Manzoni, quella casa.

Magari la vide a bordo di calesse, o forse no.

Certo i suoi protagonisti potrebbero averla abitata, per come è.

O nella campagna bergamasca, cascine.

Non ha girato lì Ermanno Olmi, ma lì potrebbe aver ambientato cose d’alberi e zoccoli.

O la villa ove si realizzò la trasposizione cinematografica de La Stanza Del Vescovo, io so dov’è.

Sapete, giorni ho fatto una cosa orribile: mi serviva indicare un manufatto d’archeologia industriale a persona in grado rendermi edotto di pregresse frequentazioni, e per venirne a capo ho inviato tramite Whathsapp una fotografia del sito ricavata da uno screenshot della funzione Street View in Google Earth.

Con un’altra casa, nella stessa cittadina, non l’avrei fatto.

Perché lì in parte si decise il mio destino.

Cio per dire: se una immagine scatena, non possiamo profanarla con una ritrazione asettica.

Ci vuole la passione di brandeggiare – o far volare – ponderose o complicate attrezzature, per consacrare.

E’ lì che principia il viaggio.

E la fotografia l’incarna, il viaggio.

Da sensore digitale a carta.

Non la carta della stampa, ma quella delle parole impresse.

O da pellicola a pellicola.

Da quella rintanata entro reflex, a quella sciorinata in proiettore.

Sì, la fotografia porta verso libri e film.

E soprattutto, macera viaggi in noi.

Sì, li macera.

Perché è sì un protendersi, ma con interiore circolarità.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2023 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *