Fotografia & Arte Involontaria

In “Forma & Funzione” svolgevo il tema del rapporto tra istanza utilitaria ed effetto collaterale estetico nelle costruzioni industriali, giungendo alla definizione di Arte Involontaria.

Qui estendo l’esame ad un elemento ulteriore, dopo aver considerato quello grafico: il colore

Prima fotografia a corredo di questo brano

Il ponte superiore è verniciato di un verde coincidente con il colore del mare in quel momento, mentre quello inferiore spicca per essere della tonalità complementare, il rosso.

Le scialuppe seguono questa cromia, mentre componenti funzionali gialli specularmente punteggiano la coperta

La bandiera marinara sunteggia il rapporto tra i due colori prevalenti nell’immagine

La seconda fotografia, ora.

Un vero tripudio, qui.

Ribadita la dominanza del verde, il rosso contrappunta in maniera peculiare: non già per scelta scientemente

realizzata, bensì per casuale intervento terzo

Con ciò intendendo: il rosso scaturisce da scrostatura, che ha origine dall’azione corrosiva degli agenti atmosferici

Registriamo così una doppia inconsapevolezza: non solo il colore non è determinato da una scelta estetica, ma esula anche dall’opera umana.

La necessità funzionale, purtuttavia, riemerge prepotente con le strisce gialle disegnate sul ponte superiore.

Allo stesso tempo, quel motivo grafico e cromatico apporta un notevole potenziamento del tratto nell’economia generale dell’Arte Involontaria presente sull’opera morta del natante: intrigantemente asimmetrico, dialoga con cerchi e righe, definendo una vera e propria opera d’arte astratta che trova una vigorosa sintesi nel sottoinsieme costituito dal cassero.

Il Caso è dunque alleato della Fotografia, non meno dell’Intenzione: la realtà è d’entrambi intessuta, e la ritrazione ondeggia libera alla ricerca di impreveduti e seducenti nessi.

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/account/artworks/874534

 

 

 

 

 

Lascia un commento

error: Contenuto protetto. ©NOCSensei