Dove (e come) concesso

Droni e città.

Mappe, su droni e città.

Interdizioni, concessioni.

Talvolta, in Italia, i tracciamenti paiono più seguire percorsi burocratici che fattuali.

In una città si può, in una vicina no.

Con la seconda poco più grande della prima, ma Capoluogo di Provincia.

Non tutta, la seconda, ma la sua maggioritaria porzione.

La prima, invece, tutta libera.

Il paradiso del sorvolo?

Abbiamo dimenticato le persone.

Sostarci sopra, non si può.

Vi sono distanze variabili con la tipologia del mezzo, ma l’elemento discriminante – discriminante per elementare esercizio di logica e prudenza – è la dinamica circolatoria.

Un momento sotto non c’è nessuno, un momento dopo dieci persone.

Orari di prevedibile assenza, allora.

E topografia minuta.

Segnatamente, tetti.

Tetti come materasso da pompiere mentre si fotografano campanili.

Del resto, ricorrenti incursioni in orientamento zenitale – se sul radiocomando non avete un tasto apposito, consiglioVi configurare un comando/funzione – sono indispensabili, onde appurare se mentre esplorate verticalmente il manufatto non state scendendo troppo.

Nel caso di siffatte zenitali verifiche è d’uopo controlliate che il Vostro hovering non sia su strade, ma – per l’appunto – sopra tetti.

Perché dovrete sostarci a lungo, lì.

Ciò in quanto le focali grandangolari non perdonano.

Basta un grado di traverso, e la fotografia è da buttare.

E se anche siete ortogonali, ciò che non è in mezzo risulterà giocoforza distorto.

Distorto ancor di più, se a casa esaminerete il file nella versione cui non è ancora appllicata la correzione in camera.

Che poi, le correzioni in camera.

PotresTe sorprenderVi nel constatare quanto esse brutalizzino la cattura originale, nel semivano tentativo di salvare il recinto a buoi già fuggiti.

Il tempo, poi.

Non solo quello dell’hovering, anche quello metereologico.

Volete circumnavigare l’oggetto?

Scordatevi il solleone.

Apparirebbero mostruosità, ad un certo punto della rotazione.

Tante cose, ed insomma.

La dronualità è una cosa seria.

Non basta – ma si deve – andare dove è concesso.

Occorre anche misurarsi con il come, è concesso.

Ed è un come che ha a che fare con saldezza tecnica al servizio del linguaggio.

Altrimenti, semplicemente, linguaggio non è.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2023 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *