Barattar sofferenza con astensione

Sciaguratamente il sole violento imperava.

Cosa fare?

Meglio posto: cosa non fare?

Ecco il barattar sofferenza con astensione, è il titolo del presente articolo.

Con le ombre non si scherza.

Se non organicamente funzionali alla composizione, semplicemente deturpano.

La fotografia – tra le due a corredo di questo brano – del castello mostra la facciata sud.

Maggiormente emblematica è quella ovest, ma il drone non ha voluto andarci.

Ha voluto esimersi da quel posizionamento in quanto disgustato dalle disarmonie di luci che ha colà trovato.

In modalità video – questo il link – non ha smentito questa impostazione.

Così, si è limitato ad effettuare avvicinamenti e carrellate laterali nell’unico lato del maniero che recava una omogeneità tonale, rigorosamente astenendosi da orbitazioni.

Alternative?

Esistenti, ma non realizzabili nella stessa sessione.

Eccole:

  • tornare pur col sole, ma molte ore dopo, e limitatamente all’altra summentovata facciata.
  • tornare in una giornata completamente nuvolosa.
  • tornare subito prima del sorgere del dorato disco.

Barattar sofferenza con astensione, dunque: ci si risparmia il dolore – estetico, linguistico, compositivo – non facendo cose.

Stessa sessione, il pontile con barche.

A riva vi erano cose turche, tali da nuocere gravemente alla pulizia formale.

Barattar sofferenza con astensione: non fotografare la spiaggia, con ciò obtorto collo accettando di non mostrare l’attacco del manufatto.

E: la geometria è salva solo nella misura in cui la grafia del pontile presenta un andamento regolare, con coordinate principali uniformemente raccordabili, e solo in tale accezione può essere tollerato che i natanti non godano tra loro della stessa armonia di scansione.

Ancora:  le ombre degli alberi delle barche a vela aggrediscono diagonalmente le traversine del supporto sull’acqua proteso, e ciò non è cosa né buona né giusta.

Insomma, siamo sempre lì: la Fotografia è una cosa seria.

Quando non ricorrono i presupposti, giova evitare.

Giova al nostro desiderio di gioia, di compiutezza, di unitarietà espressiva.

Quando qualcosa introduce un vulnus, rimandare ad altra occasione.

O a nessuna.

Noi non siamo qui per riprodurre purchessia.

Se abbiamo deciso di brandeggiare dispositivi direttamente o remotamente, è inseguendo idee.

Coniugandole al reale, solo quando il reale offre di sé virtuoso connubio di lirismo e cartesianità.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2022 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!