Anche senza bacio

Nel mio articolo “Lo struggimento che Fotografia induce” bambini correvano.

Verso l’obiettivo, correvano.

Era una cosa da Magnifiche Sorti e Progressive, ma non condite da leopardiana macerazione.

Perché si era a Metanopoli, boom economico, quelle robe lì.

Verso felicità stando dentro felicità, ed insomma, correvano.

La fotografia era dello Studio Farabola, il glorioso Tullio o qualcuno dei suoi collaboratori.

Anche qui – in una delle due immagini a corredo di questo brano – bambini corrono.

E anche qui chi ha pigiato il pulsante era uno emissario dei Farabola.

Solo che qui i bambini volgono le spalle alla lente.

Certo non per ottemperare legali divieti, allora non c’erano quelle bubbole lì.

Guardavano in direzione opposta a fini compositivi e forse vettorialmente metaforici, ed invece.

Vettorialmente metaforici perché se a Metanopoli i bambini correvano verso il futuro, qui si volgono al passato.

Ad un vibrante passato, la fotografia è ambientata nel siciliano borgo di Mazzarino.

Che poi, mica son cose così remote.

Giorni fa l’eccellente fotografo Pasquale Borella mi diceva che lui l’ha conosciuto, Tullio.

Ruggenti davvero, quegli anni lì.

Sessanta, per queste foto.

Cinquanta, quando Robert Doisneau orchestrava baci.

Sì, orchestrava baci.

Quella faccenda lì del bacio dapprima dato per rubato, indi ammesso come preparato.

La figuraccia la fece Life.

Qui invece non ci sono figuracce.

Qui nel fascicolo novembre 1962 de Le Vie d’Italia.

Le Vie d’Italia batte Life, qui.

Perché certo il Farabola della situazione avrà detto ai bambini di correre, ma poi l’oro l’hanno fatto con l’intrinseca spontaneità dell’età.

E se qui corrono a comando, nell’altra immagine sospetto maggiore estemporaneità.

Perché certo quella fuga prospettica tra generazioni – persone avanti caffè – non me la figuro frutto di comparsate.

Quelli sono reali abitanti di Mazzarino che nutrono genuino costume di sostare lì ogni giorno, congetturo con probabilità d’ azzecco che reputo elevata.

Anche il prete, magari.

Mica si sporca, così.

Essere nel mondo ma non del mondo, quelle robe lì.

Meravigliose fotografie abbinate a più che succoso testo.

Volete sapere chi ne fu il firmatario?

Leonardo Sciascia.

Altra ragione per asserire che Le Vie d’Italia batte Life, allora.

No, non è una gara.

E sì, Life è stata una meravigliosa testata (ma non dimentichamo che “noi” avevamo anche Epoca, un mio zio ne fu direttore).

“Allora”, ho appena scritto.

Ed oggi?

Qualità , quella c’importa.

Auspicansi novelli matrimoni tra fulgori della penna e della catturante macchina.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2023 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *