A Tu per Tu

In “Un differente animale” accennavo alla proteiformità dei droni laddove consentono di cambiare mondo – ambito espressivo – semplicemente applicando una breve pressione sul joystick deputato all’avanzamento.

Un attimo prima viene disegnato un ampio paesaggio, un attimo dopo il dispositivo coglie particolari non diversamente attingibili.

Ciò avviene quando il preciso punto di ritrazione non è raggiungibile in altro modo.

Ecco, “raggiungibile”.

Niente sostituisce l’opera del provetto scalatore.

Solo lui – lei – può abbracciare il petroso e/o innevato picco, assurgere – letteralmente come metaforicamente – ad intensa intimità con esso.

Qui, tuttavia, ci occupiamo di fotografia e videografia.

Ed allora: anche da terra si può “stringere” su di una vetta cambiando lente.

Dopo aver compreso una catena montuosa – intendo – è possibile effettuare un “primo piano” di una singola cima montando un potente teleobiettivo.

Il drone può far di più.

A parità di focale lui è in grado d’avvicinarsi.

E’ proprio lì, lui.

Vicino, ove la prossimità si concreta traverso fisica vicinanza che mercè l’ampio angolo di campo  – giocoforzata condizione dei più diffusi modelli – palesa la posizione senza abdicare a contestualizzazione.

Lui è lì con minore astrazione, se – diversamente – è astrazione tagliare l’inquadratura aumentando il fattore d’ingrandimento.

Lui è lì come un volatile, eddunque.

Non ricorre a protesi oculari, assumendo che il suo visus sia dotazione endogena piuttosto che applicazione di un sistema ottico inorganico.

Ciò introduce una dimensione parareligiosa.

Non per niente l’essere umano suole erigere croci violando il difficilmente violabile.

Certo, con il drone manca la virtuosa epica di fatica e periglio.

Ma l’intimità con le vette – diretta o mediata che sia – conduce alla dimensione del sacro.

Sia il monte Uluru in Australia o l’Ol Doynio Lengai in Tanzania, le rarefatte altitudini recano fragranza dell’infinito e dell’assoluto, nella diffusa percezione di chi ne è fatto partecipe.

Ecco, fatto partecipe.

E’ un ponte, il drone, in siffatta guisa.

John Ruskin diceva le che le montagne sono le cattedrali della terra.

Ed era anche pittore, lui, oltre che poeta.

Il drone è ponte quando salda visione ed acquisizione, azione ed illusione di possesso, anelito e benedizione.

 

All rights reserved

Claudio Trezzani

https://www.saatchiart.com/claudiotrezzani

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito web può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this web site may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, viale San Michele del Carso 4, 20144 Milan, Italy. info@newoldcamera.it

©2023 NOC Sensei – New Old Camera Srl

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *