Il “difetto” della Fotografia

© Roberto Besana

Verso la metà di maggio del 2023 è stato distribuito nelle librerie un mio saggio in cui si dice del rapporto fra le immagini religiose e quelle fotografiche (Cartoline a Ponzone. Immagini ieratiche e immagini ottiche. Riflessioni di un allievo di Ando Gilardi sulla rivoluzione dell’immagine fotografica, a cura di  Roberto Besana, Töpffer 2023). La tesi di fondo di quel mio studio è che la Chiesa cattolica avrebbe fatto volentieri a meno della Fotografia, perché l’immagine ottica presenta un gravissimo “difetto”: è totalmente incapace di visualizzare l’essenza della fede, sapendo solo documentare il fenomeno religioso: chiese cattedrali fedeli processioni e simboli religiosi. Di contro, da un punto di vista laico, quel “difetto” si risolve in un grandissimo pregio: quella realizzata dalla luce, dopo circa 40.000 anni in cui l’uomo ha prodotto immagini, è la prima capace di documentare con precisione matematica la realtà in cui ci è capitata l’incredibile avventura di vivere.

L’unica religiosità – intendendo la parola nell’accezione di “legame” – che la Fotografia sa visualizzare è quella che è costata a Benedetto Spinoza l’espulsione dalla comunità ebraica, vale a dire l’identificazione di Dio con la natura.

Da tempo Roberto Besana ci invita, con le sue affascinanti immagini, a riflettere sulle distorsioni che, con sempre maggiore frequenza e intensità, gli uomini sanno produrre nel rapporto con il pianeta che li “sopporta”.

«Cosa succederà quando avremo abbattuto anche l’ultimo albero per far posto ad una strada o all’ agricoltura intensiva?», si è domandato Roberto Besana quando mi ha inviato questa sua immagine. Per la natura niente, si è risposto, ma noi avremo scarse possibilità di sopravvivenza: «l’isola di Pasqua non ci ha insegnato nulla».

Quell’ “ultimo albero”, che sembra essere stato risparmiato per sbaglio a margine del campo destinato all’agricoltura, mi appare anche minacciato dal dilagare della cementificazione del territorio; ma, contemporaneamente, si presenta al mio sguardo anche come la chiara metafora della resistenza alle ingiurie degli uomini e della natura: piegato a terra dall’aratura del terreno e forse anche dal vento, ha saputo mirabilmente adattarsi all’inusitata posizione, ritrovando un nuovo equilibrio.

Nello Rossi

Annunci

Roberto Besana (1954), nasce a Monza, risiede a La Spezia. Un lungo passato da manager editoriale giunto sino alla Direzione Generale della De Agostini, coltiva la sua passione per la fotografia operando per lo sviluppo e realizzazione di progetti culturali attraverso mostre, convegni, pubblicazioni. Nella sua fotografia riverbera la sensibilità ai temi ambientali per i quali è attivo nella diffusione di conoscenza e rispetto. Le sue immagini sono principalmente “all’aria aperta”, dove lo portano i passi. Ambiente e paesaggio sono i suoi principali filoni di ricerca. I suoi lavori fotografici sono presenti in libri e quotidiani, siti web, riviste. Al suo all’attivo innumerevoli mostre personali e collettive. Dirige o collabora alla realizzazione di eventi e festival culturali. Membro del comitato scientifico del periodico culturale Globus, curatore editoriale della collana “Fotografia e Parola“ di Oltre Edizioni, ha una rubrica fissa sul periodico .eco e NOCSensei I suoi ultimi libri pubblicati - L’albero, dialoghi tra fotografo e scrittore, 2020 - Il Paesaggio, dialoghi tra fotografia e parola, 2021 - La Sfilata del Palio del Golfo, 2021 - L’acqua, dialoghi tra fotografia e parola, 2022. Nello Rossi è nato a Genova nel 1947, è emigrato a Milano nel 1973, dove ha insegnato qualcosa e appreso molto nei Corsi 150 ore per lavoratori. Verso la metà degli anni Ottanta ha avuto la grande opportunità di conoscere Ando Gilardi e di collaborare a Fhototeca. Da nove anni condivide su varie bacheche in Facebook le proprie riflessioni sulle immagini (“Una foto al giorno leva l’ignoranza di torno”, “Cartoline a Ponzone”, “Cartoline a Ponzone in ritardo”).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *