Un sito Web non viola il copyright d’immagine incorporando un post di Instagram

La corte Federale New York: Un sito Web non viola il copyright d’immagine incorporando un post di Instagram

Il tribunale federale di Manhattan ha respinto la rivendicazione della fotoreporter professionista Stephanie Sinclair contro il sito Web Mashable, dichiarando che non ha violato il suo copyright incorporando uno dei suoi post su Instagram sul suo sito Web.

Il problema legale è sorto nel 2016 quando Mashable ha pubblicato un articolo sulle donne fotografo impegnate nel sociale, mettendo la Sinclair al nono posto della sua lista.

Secondo i documenti del tribunale, Mashable ha contattato la Sinclair nel marzo 2016 e si è offerta di pagare $50 per concedere in licenza una delle sue immagini da utilizzare nel suo articolo.
La Sinclair ha rifiutato l’offerta, quindi Mashable ha pubblicato un post Instagram dell’immagine che la Sinclair aveva pubblicato sul suo account Instagram pubblico.

Arriviamo a gennaio 2018 quando, secondo i documenti del tribunale, la Sinclair ha contattato Mashable e ha chiesto di rimuovere il post incorporato dall’articolo per motivi di violazione del copyright. Mashable si è rifiutato di rimuovere il post di Instagram e 10 giorni dopo, Stephanie Sinclair ha intentato causa legale contro la Ziff Davis, LLC. (editore di Mashable) per la pubblicazione.

La causa ha sollevato domande sui Termini di servizio di Instagram, sul suo diritto di concedere sublicenze per le immagini caricate sulla sua piattaforma e se la condivisione e l’incorporamento di post pubblicati sul socialmedia senza autorizzazione o una licenza di immagine diretta da parte dell’autore costituisca violazione del copyright.

Instagram afferma che nelle sue Condizioni d’uso, sebbene non rivendichi la proprietà delle immagini di un utente, lo stesso concede alla società una licenza all’utilizzo delle stesse quando queste vengono caricate sulla sua piattaforma.
Instagram dice che quando un utente carica immagini sul suo sito Web “concede una licenza non esclusiva, esente da royalty, trasferibile, sub-licenziabile e mondiale per ospitare, utilizzare, distribuire, modificare, eseguire, copiare, rendere pubbliche e visualizzabili, tradurre e creare opere derivate dai suoi contenuti (coerentemente con la sua privacy e le impostazioni dell’applicazione). L’utente può venir meno a questa licenza in qualsiasi momento eliminando il contenuto o l’account.”

Mashable ha sostenuto che sulla base di tali Termini di utilizzo, aveva una valida licenza di Instagram che gli permetteva di incorporare il post di immagine sul suo sito Web.
Inoltre ha sostenuto, tra l’altro, che “perché la querelante ha caricato la fotografia su Instagram e l’ha designata come “pubblica”, ha accettato di consentire a Mashable, in qualità di sublicerista di Instagram, di incorporare la fotografia nel suo sito Web.”

L’azione legale della Sinclair sosteneva che, poiché Mashable non ha ottenuto una licenza di immagine diretta dal fotografo, non avrebbe dovuto essere in grado di ottenere una licenza per il contenuto da Instagram.

La corte non è stata d’accordo con tale argomento, con il giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti che ha rilevato come “Il querelante ha diritto di concedere una licenza direttamente a Mashable, ma anche che il diritto di Instagram, in quanto licenziatario, di concedere una licenza a Mashable, esiste ed opera in modo indipendente. Mashable era nei suoi diritti nel chiedere l’immagine in licenza a Instagram quando non è riuscita a ottenerla direttamente dalla querelante – proprio come Mashable era nei suoi diritti nel chiedere quell’immagine i licenza alla querelante, forse anche ad un prezzo più alto, se la querelante avesse cambiato il suo account Instagram in modalità privata”.

La Sinclair ha sostenuto che è “ingiusto” che una piattaforma come Instagram sia obblighi così a costringere i fotografi professionisti a scegliere tra mantenere i loro account privati o consentire alla società di concedere in licenza i loro contenuti condivisi pubblicamente perché è “uno dei più popolari piattaforme di condivisione di foto nel mondo “.

Il giudice Wood ha riconosciuto la natura di questo problema, ma alla fine ha affermato che “Indiscutibilmente, il dominio di Instagram sui social media per la condivisione di fotografie e video, unito al trasferimento espansivo dei diritti che Instagram richiede ai suoi utenti, significa che il dilemma del querelante è reale. Ma pubblicando la fotografia sul suo account Instagram pubblico, la querelante ha fatto la sua scelta. Questa Corte non può liberarla dall’accordo che ha fatto.”

NOC SENSEI è un modo nuovo di vedere, vivere e condividere la passione per la fotografia. Risveglia i sensi, allarga la mente e gli orizzonti. Non segue i numeri, ma ricerca sensazioni e colori. NOC SENSEI è un progetto di New Old Camera srl

Lascia un commento

error: Contenuto protetto. ©NOCSensei