Scatole Preziose

Di Gabriele Orlini

In collaborazione, redatto e pubblicato da Doog Reporter

SATKHIRA | BANGLADESH

Con riguardo ma senza alcuna timidezza si avvicinò. Poteva avere otto, forse nove anni.
Occhi grandi, neri. Occhi profondi, a tratti dolenti tanto da sembrare un uomo.
Fissandomi disse qualcosa che io non capii subito ma immaginai volesse sapere il mio nome e io glielo dissi in inglese: Gabriel.
All’estero ho l’abitudine di dire il mio nome in inglese perché sembra sia più facile da ricordare.
Lui sorrise con gli occhi ancor prima che con la bocca e mentre lo faceva, senza che io glielo chiedessi, mi disse il suo. Me lo feci ripetere. Ancora una volta. Poi una terza. E ogni volta non capivo. E ogni volta i suoi occhi continuavano a sorridere.

Nei giorni passati in uno dei paesi più poveri al mondo non sono mai riuscito a capire come realmente si chiamasse il mio nuovo amico. E questo mi dispiace ancora adesso. Il suo nome poteva essere: Anil, Kamal, Jograj; oppure Hiresh, Gulab, Geet, Devesh, e comunque non sarebbe cambiato nulla, perché il suo nome mi sarebbe servito solo per richiamarlo, oppure descriverlo un giorno, ma non certo per ricordarlo.
Quindi lo chiamerò Charan, mi piace il suono di questo nome che in sanscrito significa “Piedi di Dio”.

Charan parlava la lingua del suo paese, il Bangladesh, e mentre lo faceva sembrava un fiume in piena. Suoni incomprensibili che nel suo quotidiano avevano un senso, producevano in me l’unico effetto di farmi sentire fuori luogo. Poco distante, urla gioiose distraevano il nostro improbabile dialogo e, anche per soddisfare la mia indole curiosa, con Charan mi avvicinai al pukur brulicante di vita.

Continua a leggere l’articolo su Doog Reporter

 

 

Noi, in DooG Reporter,
abbiamo una visione

Ci sono storie nel mondo che non possono esser raccontante se non vivendole in prima persona.
Sono quelle storie che messe una vicina all’altra possono smuovere le coscienze, aprire varchi, allargare gli orizzonti. E sono storie che non possono esser vissute da lontano.
Per raccontarle, ci si deve immergere.
Ci si deve sporcare di esse.

DooG Reporter è un Idea

Un progetto ardito e sincero nato per dare corpo e sostanza a quelle Storie, molte volte silenziose e troppe volte ignorate, che tutte insieme compongono la società nella quale viviamo.

DooG Reporter | Stories to share è un’Idea nella quale confluiscono le competenze di diversi professionisti (narratori, fotografi, video maker, media), con il fine ultimo della diffusione di queste Storie attraverso ogni mezzo possibile, con etica e responsabilità, partendo dalla ricerca, all’analisi, alla preparazione della narrazione, fino alla realizzazione del viaggio alla ricerca di quella storia.

Noi facciamo questo!

 

NOC SENSEI è un modo nuovo di vedere, vivere e condividere la passione per la fotografia. Risveglia i sensi, allarga la mente e gli orizzonti. Non segue i numeri, ma ricerca sensazioni e colori. NOC SENSEI è un progetto di New Old Camera srl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!