Moken, una vita a filo d’acqua

Di Natascia Aquilano

In collaborazione, redatto e pubblicato da Doog Reporter

 

Kho Phayam | Thailandia
Tra le isole dell’arcipelago Mergui, al largo delle coste meridionali della Birmania e della Thailandia, vive una tribù di circa 4000 persone, chiamati Moken, o più semplicemente “zingari del mare”.

Questo perché trascorrono gran parte dell’anno migrando come nomadi da un’isola all’altra, a bordo di tipiche imbarcazioni di legno, da loro stessi costruite, di nome “kabang”.

Si stabiliscono sulla terraferma nel periodo dei monsoni, vivendo su palafitte temporanee fatte di legno e lamiere, nel versante orientale delle isole, al riparo così dalle tempeste.

 

Moken | ©Natascia Aquilano, 2017

 

Senza nomi, senza documenti, senza nazionalità, senza tempo.

Questo è scandito solo dai venti, dalle onde del mare e dalla luna. Non possiedono un calendario e la maggior parte di loro non conosce neppure la propria età.

Sono liberi. Liberi di navigare e adattarsi ai flutti in modo quasi soprannaturale.

Si racconta infatti che i bambini Moken imparino a nuotare prima ancora che a camminare.

 

Moken | ©Natascia Aquilano, 2017

 

Per molto tempo la loro esistenza passò inosservata.

La tribù attirò l’attenzione delle cronache nel 2004 quando uno tsunami si abbatté sulle coste dell’Oceano Indiano, causando la morte di più di 230mila thailandesi.

I Moken, grazie alla loro profonda conoscenza del mare, furono in grado di prevedere l’arrivo della “grande onda” evacuando i propri villaggi e trovando rifugio sulle alture.

La furia dello tsunami non fece nessuna vittima tra gli “zingari del mare”. (…)

 

Continua a leggere l’articolo su Doog Reporter

Moken | ©Natascia Aquilano, 2017

 

Noi, in DooG Reporter,
abbiamo una visione

Ci sono storie nel mondo che non possono esser raccontante se non vivendole in prima persona.
Sono quelle storie che messe una vicina all’altra possono smuovere le coscienze, aprire varchi, allargare gli orizzonti. E sono storie che non possono esser vissute da lontano.
Per raccontarle, ci si deve immergere.
Ci si deve sporcare di esse.

DooG Reporter è un Idea

Un progetto ardito e sincero nato per dare corpo e sostanza a quelle Storie, molte volte silenziose e troppe volte ignorate, che tutte insieme compongono la società nella quale viviamo.

DooG Reporter | Stories to share è un’Idea nella quale confluiscono le competenze di diversi professionisti (narratori, fotografi, video maker, media), con il fine ultimo della diffusione di queste Storie attraverso ogni mezzo possibile, con etica e responsabilità, partendo dalla ricerca, all’analisi, alla preparazione della narrazione, fino alla realizzazione del viaggio alla ricerca di quella storia.

Noi facciamo questo!

NOC SENSEI è un modo nuovo di vedere, vivere e condividere la passione per la fotografia. Risveglia i sensi, allarga la mente e gli orizzonti. Non segue i numeri, ma ricerca sensazioni e colori. NOC SENSEI è un progetto di New Old Camera srl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Alert: Contenuto protetto!