Giuseppe Valerio Scandiffio. Così lontani, così vicini

Fotografie di Giuseppe Valerio Scandiffio

Testo di Francesco G. Raganato

Redatto e pubblicato da Perimetro

 

“Siamo cresciuti in un contesto che ci ha permesso di dare per scontate molte cose. La pandemia ci ha dato modo di riflettere su quello che abbiamo e su cosa ci manca. Abbiamo dovuto adattarci e costruire dei nuovi rapporti con i nostri spazi.” Saluen.

 

Fino ad un anno fa la felicità non si misurava in metri quadri.

Improvvisamente, da quando il Covid ci è esploso addosso, abbiamo riscoperto quei pochi metri quadri abbandonati o sconosciuti delle nostre case.

Qui si tratta di fortuna, eredità o fato, beninteso.

Stiamo parlando dei balconi.

I balconi di Milano non sono come quelli di Napoli o Palermo dove invece sono propaggini organiche alla casa, una protuberanza tra il privato e il pubblico, tra il salotto e la via, dove si intessono conversazioni, si calano panieri con le corde, si ricamano pettegolezzi e si stendono i panni assieme al compare del balcone di fronte.

 

 

A Milano i balconi sono sempre stati spazi non vissuti, un vezzo architettonico, un fregio urbanistico.

Sempre vuoti.

Fino ad un anno fa.

Poi timidamente si sono animati: un libro letto al sole, l’acqua alle piante o semplicemente una boccata d’aria incredibilmente profumata.

Chi durante il lockdown ha scoperto di possedere un balcone ha capito di essere un privilegiato.

Ha scoperto che tra le mura di casa e la città, tra le videochiamate e la solitudine, esiste uno spazio intermedio, fatto di prossimità, spesso snobbato per il suo essere appunto medio, né troppo lontano, né troppo vicino.

Eppure a molti ha salvato la vita.

 

Vai alla storia.

 

 

“Le case di ringhiera sono state la salvezza per molti milanesi. Qui abbiamo internet in commune, I muri sottili e mangiamo spesso insieme. Durante il primo lockdown vivevamo praticamente insieme: aprivi la porta e vedevi face amiche.” Marta.

 

 

 

 

 

NOC SENSEI è un modo nuovo di vedere, vivere e condividere la passione per la fotografia. Risveglia i sensi, allarga la mente e gli orizzonti. Non segue i numeri, ma ricerca sensazioni e colori. NOC SENSEI è un progetto di New Old Camera srl

Lascia un commento

error: Alert: Contento protetto!!!