Annunci

Lenti posteriori e ingombri meccanici: un problema annoso e sempre attuale.

Un cordiale saluto a tutti i followers di NOCSENSEI; la recente introduzione della gamma di fotocamere mirrorless full-frame di Canon e Nikon ha riportato alla ribalta una questione tecnica che costituisce un limite per i progettisti di obiettivi da molti anni, quantomeno dal periodo in cui iniziarono a calcolare obiettivi molto luminosi o grandangolari simmetrici dallo schema complesso: le quote meccaniche disponibili in relazione alle dimensione e al posizionamento delle lenti posteriori del gruppo ottico.

Come ho già avuto modo di condividere, a mio parere questa nuova generazione di mirrorless giapponesi di stampo professionale non è stata concepita e presentata col fine di proporre un’alternativa più compatta e leggera alla classica “Panzerkamera” reflex (infatti gli ingombri dei corpi e degli obiettivi sono pari o addirittura superiori a quelli delle attrezzature attuali), bensì per mettere a disposizione dei progettisti ottici baionette di grande diametro e spazi retrofocali non vincolati, consentendo finalmente di sfruttare al 100% il potenziale della moderna tecnologia di calcolo.

Tuttavia l’immagine di un ottico che litiga col diametro utile della baionetta non è una novità dei nostri giorni: infatti le quote meccaniche dell’interfaccia al corpo macchina, quando si tratta di progetti spinti al limite del possibile, hanno sempre rappresentato uno dei principali “colli di bottiglia” del sistema; vediamo alcuni esempi presi fra obiettivi molto famosi.

Il Nippon Kogaku Nikkor-O 2,1cm 1:4 è uno degli ultimi obiettivi presentati per il sistema Nikon S a telemetro, nel 1959; dal momento che nello stesso anno venne lanciata la mitica reflex Nikon F e il progetto di schemi grandangolari retrofocali richiesti da tale sistema era ancora primordiale, si decise di inserire questo eccellente obiettivo ispirato allo Zeiss Biogon anche nel parco ottiche iniziale della nuova ammiraglia; trattandosi di un grandangolare simmetrico, previsto per corpi a telemetro che non hanno alcun ingombro al loro interno, l’ultima lente sfruttava tutto lo spazio disponibile all’interno delle Nikon S e andava a posizionarsi a circa 1cm dall’otturatore: in questo modo era possibile progettare un supergrandangolare da oltre 90° di ottima qualità.

Questo contenuto è riservato agli utenti che hanno sottoscritto un abbonamento di almeno 3 mesi.

Registrati oppure effettua il login per proseguire.

Un abbraccio a tutti – Marco chiude.

 

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo volume può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito dei specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, via Rovello 5, 20121 Milano. info@newoldcamera.it
All rights are reserved. No part of this book may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, via Rovello 5, 20121 Milan, Italy. info@newoldcamera.it
©2018NOCSensei-NewOldCameraSrl

Annunci

NOC SENSEI è un modo nuovo di vedere, vivere e condividere la passione per la fotografia. Risveglia i sensi, allarga la mente e gli orizzonti. Non segue i numeri, ma ricerca sensazioni e colori. NOC SENSEI è un progetto di New Old Camera srl

Lascia un commento

error: Contenuto protetto. ©NOCSensei