Annunci

Nikon FM o Nikon FM2?

Nikon FM o Nikon FM2?

Indubbiamente tra le reflex manual focus più diffuse di Nikon, qui ho voluto esaminare le differenze a vantaggio e a svantaggio di entrambi i corpi macchina.

Buona lettura e buona visione !

 

 

Nikon FM2: la barriera del millesimo di secondo è superata

La Nikon FM2, prodotta dal 1982 al 2001, per ben 19 anni – uno dei modelli più longevi di casa Nikon, è una fotocamera manual focus che non solo ha incontrato grandi consensi di pubblico durante il suo ventennio di produzione, ma è ancora oggi una delle fotocamere Nikon manual focus più ambite.

Erede della Nikon FM, prodotta per soli 5 anni dal 1977 al 1981, si distingue inannzitutto dal modello precedente per il fatto che il tempo di scatto più veloce passa da 1/1000 di secondo della FM a 1/4000 di secondo della FM2. In quel periodo c’era una vera e propria corsa al tempo di scatto sempre più veloce, corsa più scientifica e da primato che pratica, visto che le pellicola non superavano i 3600 ISO e non era ancora in voga la “caccia” alle immagini con effetto “bokeh” che avrebbero potuto giustificare tempi di scatto sempre più veloci.

La Nikon FM in dettaglio

La Nikon FM è una fotocamera completamente meccanica, la batteria alimenta esclusivamente l’esposimetro; i tempi di scatto vanno da 1 secondo fino a 1/1000 di secondo + la posa B. con sincro X a 1/125 di secondo.

La sensibilità dell’esposimetro è impostabile da 12 fino a 3200 ISO, che ogi potrebbero far sorridere, vista la sensibilità a cui possono essere spinti i sensori dell’ultima generazione, ma all’epoca, e ancora oggi, era ed è perfettamente adeguata alla sensibilità di ogni genere di pellicole, anche quelle “tirate” che quasi mai superano i 3200 ISO.

 

Semplice ed essenziale

Sulla calotta, oltre alla ghiera dei tempi e al sistema di regolazione dell’esposimetro, è presente il sistema per le doppie esposizioni intenzionali. La slitta a contatto caldo per il flash non è TTL.

La leva di riarmo, una volta ripiegata il posizione di riposo, funge da interruttore del sistema esposimetrico.

La Nikon FM2

La prima e certamente la differenza fondamentale rispetto alla Nikon FM sta proprio nella ghiera dei tempi che supera 1/1000 di secondo della Nikon FM per arrivare a 1/4000 di secondo.

Il sistema per la doppia esposizione intenzionale viene modificato con una levetta annegata sotto la leva di carica.

Anche la FM2 ha un sistema flash non TTL ma nel mirino è presente una spia di pronto flash.

 

Centinaia di pezzi

L’esploso della Nikon FM2 con l’inquietante numero di pezzi che la compongono.

L’alimentazione

L’alimentazione è comune a entrambe le fotocamere: due batterie da 1,5V o una batteria da 3V, entrambi i tipi di batterie sono ancora in produzione, grande vantaggio non comune a tutte le fotocamere manual focus oggi sul mercato e a diversi esposimetri esterni.

Come già riferito, le batterie provvedono ad alimentare esclusivamente l’esposimetro, e questo è un plus impareggiabile perchè consente a entrambe le fotocamere di scattare su tutti i tempi di scatto anch a batterie completamente scariche,

Il confronto

Qui si evidenzia il confronto tra le due ghiere dei tempi, a sinistra quella della Nikon FM, a destra quella della Nikon FM2.

Il sincro flash passa da 1/125 sulla Nikon Fm a 1/200 sulla Nikon FM2 e a 1/250 sul modello successivo, la Nikon FM2n

Il fondello

Il fondello è comune a entrambe le fotocamere: le frecce evidenziano l’attacco per il motore opzionale – sono disponibili più modelli di motori opzionali.

Alimentato da 8 batterie stilo, il motore provvede anche ad alimentare l’esposimetro, oltre che far avanzare la pellicola e riarmare l’otturatore.

Sull’impugnatura è presente un pulsante d spegnimento della fotocamera e un secondo pulsante di scatto.

L’autoscatto e la leva della profondità di campo

Identiche anche la leva dell’autoscatto e del controllo della profondità di campo.

L’autoscatto, regolabile da 2 fino a 8 secondi, provvede innanzitutto a sollevare lo specchio, ed è quindi di grande utilità quando non si dispone dello scatto a filo perchè oltre che a distanziare il momento della pressione del dito sul pulsante di scatto prima dell’apertura della tendina, solleva immediatamente lo specchio, scongiurando così il rischio di un duplice micromosso.

La vera differenza: gli otturatori

La vera differenza, a livello di hardware tra le due fotocamere sta negli otturatori, a sinistra quello della FM, a destra uno di quelli usati sulla FM2.

Per far fronte a tempi rapidi come 1/4000 di secondo l’otturatore venne ridisegnato con una tendina verticale in titanio con texture a nido d’ape che raggiunge, per la prima volta, la velocità di 1/4000 di secondo e un x-sync di 1/200 di secondo (quest’ultimo ulteriormente incrementato a 1/250 nella versione FM2n).

Dal 1989, il costoso titanio fu sostituito da una resistente lega di alluminio.

Risulta quindi, che dello stesso modello di fotocamera (FM2n), esistono in commercio macchine che montano l’otturatore al titanio ed altre che hanno l’otturatore in alluminio.

L’unico sistema per distinguerle è aprire il dorso ed ispezionare a vista l’otturatore. le tendine in titanio sono considerate più fragili di quelle d’alluminio, ed è il motivo per cui, a partire da un certo lotto di produzione, il titanio venne abbandonato a favore dell’alluminio. (Questo solo per la Nikon FM2)

Ma leggiamo cosa scrivevano all’epoca su Nikon Japan:

Progressi nella velocità dell’otturatore sul piano focale

 

Nikon FM2

La velocità dell’otturatore ha impiegato sorprendentemente molto tempo tra i meccanismi della fotocamera in rapido sviluppo progettuale.

Per quanto riguarda l’otturatore del piano focale, “Leica” con otturatore a tendina in tessuto a corsa orizzontale e “Contax” con otturatore a tendina (lama) a spostamento verticale erano in competizione e hanno raggiunto la massima velocità di 1/1000 di secondo e 1/1250 di secondo. rispettivamente negli anni ’30, e nel 1960. “Konica F” raggiunse per la prima volta la velocità di 1/2000 sec.

Per quanto riguarda l’otturatore dell’obiettivo, la velocità massima era di 1/3000 sec. con “Minolta V3” (1960), ma aveva una limitazione sul valore di arresto dell’apertura utilizzabile quando si selezionava la velocità più alta (ad esempio, quando si seleziona 1/3000 sec., è possibile utilizzare solo da f / 8 a f / 22).

Ad eccezione di ciò, la massima velocità dell’otturatore delle fotocamere per uso generale è stata di 1/2000 sec. fino al 1982 quando la Nikon FM2 fu messa sul mercato.

Era il 1977 quando Nippon Kogaku K.K. (l’attuale Nikon Corporation) ha iniziato lo studio dell’otturatore ad alta velocità più veloce di 1/2000 sec. La richiesta è partita dall’esigenza di un fotografo professionista, riferita poi a uno dei membri principali di Nippon Kogaku,

Lo studio dell’otturatore ad alta velocità non è iniziato per la “realizzazione di 1/4000 sec.” ma per la “maggiore velocità di sincronizzazione X.”.

Per soddisfare queste esigenze, è stato organizzato un team speciale, il cui membro è stato selezionato da dipartimenti quali progettazione, tecnologia e ricerca. Al fine di aumentare la velocità di avanzamento della lama dell’otturatore per far fronte a questa richiesta, è necessario

1. aumentare la forza motrice o

2.  per alleggerire la massa dell’otturatore.

Considerando la forza del meccanismo, potrebbe non essere consentito aumentare eccessivamente la forza motrice.

Fu deciso alla fine di da adottare, non l’otturatore a tamburo a corsa orizzontale, ma l’otturatore di tipo quadrato a corsa verticale. “Come alleggerire la massa della lama” è rimasto un problema difficile per la squadra di progettazione e ci è voluto molto tempo prima che si decidesse su quale materiale impiegare

Dopo molte prove ed errori, il titanio (Ti) è stato adottato per il materiale della lama.

Anche la lega di alluminio (Al) (durallumina) è stata una delle scelte, ma non è stata accettata a causa della resistenza insufficiente. La parte attorno al perno per calafataggio da unire al braccio, che controlla più lame, non poteva resistere e tendeva a rompersi.

Dopo molte prove, ad esempio, l’apposizione di una sottile lastra di titanio su una cornice di titanio, proprio come una porta scorrevole giapponese “shoji” su schermo di carta, o la stampa di una lastra con una pressa per renderla più sottile, lasciando la periferica così com’è, finalmente è stato trovato il metodo di incisione a nido d’ape. È un metodo di attacco chimico per incidere una certa parte di un sottile diluente in titanio in un motivo a “nido d’ape”.

 
Unità dell’otturatore

Le circostanze di tale vicenda furono descritte in dettaglio nella “Serie di fotocamere reflex a obiettivo singolo da 35 mm n. 11” – “Tutto sui nuovi Nikon” – un volume separato di serie di fotocamere moderne pubblicato da Asahi Sonorama nel novembre 1984 (solo in giapponese).

A proposito, il modello a nido d’ape è una forma esagonale che richiama l’immagine dell’alveare (nido d’ape). Si ritiene che abbia un vantaggio in più di forza.

Un seguito della storia: COPAL CO. LTD. (l’attuale NIDEK COPAL CORPORATION) che ha collaborato con nNikon in quel progetto ha continuato a studiare il calafataggio della lega di alluminio che è stato abbandonato nella fase iniziale dello sviluppo ed è riuscito a sviluppare una speciale tecnologia di calafataggio.
Pertanto, nei progetti successivi, la velocità dell’otturatore di 1/4000 sec. è stata raggiunta anche con la lama dell’otturatore in lega di alluminio.

Il primo prototipo era un otturatore a controllo elettronico!

In questo progetto di otturatore ad alta velocità, l’oggetto “a quale modello deve essere incorporato l’otturatore” non è stato risolto.

Si è convenuto che il modello sarebbe stato discusso al termine dello sviluppo.

Per raggiungere 1/250 sec. sync. velocità, la lunghezza verticale del telaio potrebbe essere tagliata, ad esempio, a 20 mm invece dei normali 24 mm, quindi il prodotto poteva non essere destinato agli utenti generici.

In quel caso era obbligato a essere un prodotto speciale per gli utenti limitati come i fotografi professionisti
I primi prototipi del lotto sono stati incorporati nei corpi Nikon FE. Vale a dire, l’otturatore era un’unità controllata elettronicamente. Poiché l’obiettivo, in origine, era accelerare la sincronizzazione X. velocità che per avanzare alla massima velocità stessa, la velocità massima dei prototipi del primo lotto era 1/1000 sec., uguale a quella della FE

Dopo il primo prototipo del primo lotto si è arrivati al secondo prototipo del secondo lotto. Avendo acquisito una certa prospettiva da questa esperienza, sono stati realizzati circa 30 pezzi del prototipo del secondo lotto. Erano anche unità otturatore controllate elettronicamente e nuovamente incorporate nei corpi FE. Tuttavia, la velocità massima è stata portata a 1/2000 di secondo.

 

Nikon FM2

Era solo “per caso” che la FM2 era destinata ad essere il modello in cui era incorporato l’otturatore ad alta velocità che è diventato realistico supportato dalla tecnologia di produzione.
Intorno a quel tempo, era in corso il piano di rinnovo dell’FM (pubblicato nel 1977) per incorporare nuove funzioni adottate nella FE Nikon, che fu pubblicato nel 1978.

Erano: far scambiare gli schermi del mirino attraverso l’apertura dell’attacco dell’obiettivo, mettere una luce pronta all’interno del mirino per indicare che il lampeggiatore dedicato era completamente carico, per semplificare il complicato interruttore di alimentazione come interruttore del timer premendo l’otturatore- rilasciare il pulsante a metà. . . .

A causa dei tempi dello sviluppo di un otturatore ad alta velocità coincideva per caso a questo progetto, l’FM2 è stato caricata con l’onore di “il primo modello che incorpora l’otturatore 1/4000 di sec. più veloce al mondo”.

Tuttavia, l’oggetto originale, la velocità di sincronizzazione X di 1/250 sec. è stato modificato con una certa facilità a 1/200 sec. considerando che alcune unità flash elettroniche hanno una durata maggiore.

 

Illusione di caricamento automatico

Il fatto è che c’era un altro nuovo meccanismo accanto all’otturatore ad alta velocità che Nikon desiderava incorporare nella Nikon FM2. Era un caricamento automatico del film che semplifica la procedura di caricamento del film. Era stato incorporato nel prototipo del modello di produzione ma era stato ritirato all’ultimo minuto a causa dell’affidabilità in qualche modo instabile.

In una fotocamera con avvolgimento automatico, la velocità di avvolgimento o la coppia caricata con il meccanismo di avvolgimento viene mantenuta praticamente costante, ma la situazione è piuttosto diversa in una fotocamera con avvolgimento manuale. Alcune persone armano la leva lentamente e delicatamente e alcune armano così rapidamente e con forza, come potrebbero strappare la leva di carica. Era molto difficile realizzare un meccanismo così perfetto da permettere a chiunque di caricare correttamente la pellicola. Dopotutto, un caricamento automatico del film è stato rinviato fino a quando la Nikon F-301, che era esclusivamente per avvolgimento automatico, è stata immessa sul mercato nel 1985. In caso di caricamento automatico del film, il metodo di avvolgimento è “avvolgimento regolare” per avvolgere il film attorno al bobina con la base del film all’esterno, ma le fotocamere della serie FM finora hanno adottato il cosiddetto “avvolgimento inverso” per avvolgere il film con il lato dell’emulsione all’esterno. Il ritiro del caricamento automatico del film ha comportato un grande cambiamento per invertire la direzione di rotazione della bobina.

 

Tecnologia verso domani

Lo sviluppo successivo è ormai di pubblico dominio. In seguito alla Nikon FM2 arrivò la FA (1984) e furono entrambi equipaggiati con un controllo elettronico di 1/4000 sec. e, con essi, la sincronizzazione X. velocità di 1/250 sec. è stata raggiunta.

 

La sincronizzazione X.

Anche la velocità della Nikon FM2 è stata portata a 1/250 sec. nel 1984 (questo modello è stato chiamato “NEW FM2” in Giappone e “FM2NTM” negli Stati Uniti) e FM2 insieme a FE2 e FA hanno formato il trio Nikon SLR con “X 1/250 sec. e MAX 1/4000 sec. “

Inoltre, la Nikon F-801 (1988) ha raggiunto il MAX 1/8000 sec. e nel 1992, il “MINOLTA a (alpha) -9xi” raggiunse finalmente il MAX 1/12000 sec e la sincronizzazione X. 1/300 sec.

 

È questa la limitazione della velocità dell’unità otturatore che guida meccanicamente le lamelle o le tendine dell’otturatore o ci saranno nuovi sviluppi in un futuro non lontano?

La Nikon FM2 sarà ricordata per sempre come la fotocamera che ha fatto sua la competizione per lo sviluppo della tecnologia.

L’articolo prosegue con ulteriori analisi e le conclusioni finali sul sito di Gerardo Bonomo.

Annunci

Lascia un commento

error: Contenuto protetto. ©NOCSensei